This content is not available in your region

L'Estonia vieta l'ingresso al turismo russo

Access to the comments Commenti
Di euronews e ansa
Frontiera fra Russia ed Estonia
Frontiera fra Russia ed Estonia   -   Diritti d'autore  ALEXANDER DROZDOV/AFP

L'Europa è sempre più allergica al turismo russo e l'Estonia decide di vietare l'ingresso ai russi in possesso di visti Schengen emessi da Tallin. Il governo estone propone uno stop collettivo a livello Ue. Un'idea che ha suscitato la contrarietà del cancelliere tedesco Olaf Scholz, scatenando l'ira di Kiev che dice che i russi sostengono la guerra di Putin.

Proposta di stop

"Abbiamo convenuto che il Ministero degli Affari Esteri e il Ministero dell'Interno prepareranno possibili proposte per la prossima settimana sulla questione di come sarebbe possibile chiudere il confine estone a quei cittadini della Federazione Russa che hanno un visto Schengen che non è stato emesso in Estonia" dichiara il ministro degli esteri estone Urmas Reinsalu. L'obiettivo è arrivare al consiglio informale degli Affari Esteri di Praga, previsto per fine agosto, con una proposta. La Commissione non si sbilancia e ricorda che già ora è possibile rifiutare i visti ai russi, dopo controlli individuali. Ma ricorda anche che l'Ue ha degli obblighi di diritto internazionale da rispettare, dunque l'emissione di visti per ragioni umanitarie, ad esempio agli attivisti, agli oppositori o ai giornalisti in pericolo, deve essere garantita.

Un turismo sempre più difficile

"L'opportunità per i cittadini russi di visitare l'Estonia in gran numero o di visitare l'Europa attraverso l'Estonia è incompatibile con il significato delle sanzioni che abbiamo stabilito" ha inoltre precisato ministro Reinsalu. Peraltro l'Unione Europea, di cui l'Estonia è membro, ha già vietato i viaggi aerei dalla Russia dopo aver invaso l'Ucraina. Ma i russi possono ancora viaggiare via terra verso l'Estonia e, a quanto pare, prendono voli per altre destinazioni europee. Imponendo la sanzione, l'Estonia vuole che la Russia "non possa continuare la sua normale vita internazionale anche a livello dei suoi cittadini", ha affermato Reinsalu.