This content is not available in your region

L'Ungheria ha sete, viaggio nella terra riarsa tra laghi che scompaiono e colture bruciate

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
il lago ungherese  prosciugato dalla siccità
il lago ungherese prosciugato dalla siccità   -   Diritti d'autore  Euronews

Laghi che si prosciugano, cactus che crescono a dismisura nella Grande Pianura, coltivazioni bruciate e il lago Fertő che si sporca: questo non è uno scenario a tinte fosche  ma il presente.

A causa dell'estrema scarsità di precipitazioni, nelle ultime settimane sono scomparsi due laghi da pesca. Il lago Vekeri, vicino a Debrecen, un tempo brulicava di pesci, ma ora ne rimane solo lo scheletro. Il molo si trova in mezzo al nulla.

László Szabó era solito accamparsi sulla spiaggia quando era giovane, e quando è sceso dalla sua auto non poteva credere ai suoi occhi:

"Nell'ultimo mese, l'area ha ricevuto 50 millimetri di precipitazioni in meno rispetto alla media a lungo termine: un chiaro riflesso del cambiamento climatico".

Dall'altra parte del Paese, il lago Bicsérdi, vicino a Pécs, si è trasformato in una piscina vuota. L'unica creatura vivente è una cicogna che si aggira tra i pesci morti. Dalla finestra rotta della reception si possono ancora vedere i trofei e le foto delle grandi catture, ma è tutto passato.

Il parere dell'esperto

Secondo l'ecologista Balázs Lukács non è ancora la fine del mondo, ma ora è estremamente importante come gestiamo le nostre acque. L'acqua piovana deve essere raccolta e il surplus prodotto durante le inondazioni deve essere immagazzinato. Vale anche la pena di ripristinare i meandri dei fiumi troppo regolati per massimizzare l'area di terreno che può ricevere acqua.

" Se non c'è acqua per la ricarica,  - spiega - la quantità nel terreno si esaurisce. Questo si può vedere, si può misurare, si può sperimentare. Lo sentiamo sulla nostra pelle. Vediamo le foreste seccare. Anche la foresta di Nagyerdő, vicino a Debrecen, si sta prosciugando. Le radici delle vecchie querce raggiungono a malapena il livello dell'acqua. Ecco perché il progetto CIVAQUA è stato rilanciato per risolvere questo problema. Si sta cercando di ritardare questo processo pompando acqua dal fiume Tibisco."

Anche i più grandi laghi ungheresi sono in pericolo. Il livello del lago Velence si sta abbassando di un centimetro al giorno e ora si trova a poco più di 70 centimetri. Anche il lago Fertő ha raggiunto livelli minimi record. In alcuni punti, le barche a vela sono ferme nel fango e l'acqua sulle spiagge non supera il livello della vita. Gli austriaci hanno chiesto al governo ungherese di iniziare a rifornirsi di acqua dal Mosoni-Duna.

La siccità ha già colpito duramente l'agricoltura. Finora si sono seccati circa 300.000 ettari di mais e 200.000 ettari di girasoli, con perdite pari a 400 miliardi di fiorini ungheresi, ha dichiarato il presidente dell'Associazione Nazionale dei Cerealicoltori.

La situazione è peggiore nella regione orientale. 7 delle 9 stazioni di monitoraggio della siccità hanno segnalato livelli estremi. Su base annua, mancano 200 millimetri di precipitazioni. Nella Grande Pianura, i raccolti di orzo sono stati la metà di quelli della parte occidentale del Paese e la qualità dell'orzo è notevolmente peggiorata. Disperati, gli agricoltori stanno già accusando il sistema nazionale di mitigazione del ghiaccio per la siccità. Dopo che diversi operatori di macchine hanno ricevuto minacce di morte, la Camera dell'Agricoltura ha deciso di smettere di bombardare le nuvole con lo ioduro d'argento.

Le perdite di raccolto sono arrivate nel momento peggiore. I prezzi dei raccolti erano già alle stelle a causa della crisi in Ucraina e la siccità potrebbe peggiorare la situazione.

Ora possiamo constatare che il riscaldamento globale non ha colpito solo l'Ungheria, ma l'ha anche devastata. Dobbiamo quindi proteggere più seriamente il nostro più grande tesoro: l'acqua.