L'Angola sta diventando un riferimento globale nei mercati energetici

L'Angola sta diventando un riferimento globale nei mercati energetici
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Chris BurnsDinamene Cruz
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Stando all'Agenzia Internazionale per l'Energia l'Angola è destinato a diventare il più grande produttore di greggio dell'Africa meridionale - con un occhio di riguardo per le rinnovabili - grazie a investimenti e misure di sostegno

PUBBLICITÀ

L'Angola è una delle destinazioni più stabili e sicure per gli investimenti energetici in Africa. Membro dell'Opec e secondo produttore di petrolio dell'Africa subsahariana, stando all'Agenzia Internazionale per l'Energia il Paese è destinato a diventare il più grande produttore di greggio dell'Africa meridionale - con un occhio di riguardo per le rinnovabili - grazie a investimenti e misure di sostegno.

TotalEnergies è il più grande produttore di petrolio e gas in Angola, dove il governo sta incoraggiando ulteriori investimenti per espandere la produzione. Paulino Jerónimo è presidente del Consiglio di amministrazione dell'Agenzia nazionale per il petrolio, il gas e i biocarburanti (Anpg): "Se avremo successo, ci aspettiamo di aumentare la produzione fino 1.100.000 barili di petrolio al giorno", dice a Euronews.

Negli ultimi anni le compagnie hanno beneficiato di un approccio più flessibile in materia di tassazione e regolamentazione. "Abbiamo investito molto - dice Olivier Jouny, direttore generale di TotalEnergies Angola -. Ora abbiamo una posizione di leadership in Angola, rappresentiamo il 45% della produzione del Paese".

Total è presente in Angola da quasi 7 decenni. "Questa è una delle nostre più grandi filiali - dice Jouny -. Abbiamo sei impianti, sei piattaforme petrolifere, sei grandi navi che producono in acque profonde tra i 1.500 e i 2.000 metri".

Exxon-Mobil è un altro attore importante in Angola da oltre 25 anni. "Qui abbiamo la più grande operazione in acque profonde dell'intera compagnia - dice Melissa Bond, direttrice di Exxon-Mobil Angola -. È molto importante avere stabilità: stabilità fiscale, legale e normativa. L'Angola è stata in grado di dimostrarlo durante il periodo in cui siamo stati qui".

I programmi di formazione della Exxon hanno dato i loro frutti anche nelle attività offshore di produzione, stoccaggio e scarico degli idrocarburi. "Abbiamo mandato alcuni angolani a fare una formazione tecnica all'estero - dice Bond -. Siamo orgogliosi di questo investimento e del tempo che gli abbiamo dedicato. Attualmente, il 92% della nostra forza lavoro è angolana.

Come in altre parti del mondo, anche in Angola il settore energetico si sta evolvendo per includere un maggior numero di fonti rinnovabili e ridurre l'impronta carbonica. Somoil, la più grande compagnia petrolifera dell'Angola, Somoil, è in una fase di transizione. "Il passaggio alle energie rinnovabili è evidente - dice Edson dos Santos, amministratore delegato di Somoil -. Una è il solare: l'Angola ha una delle migliori esposizioni solari in Africa. La seconda è l'energia idroelettrica. In Angola ci sono molti fiumi".

Anche Total sta puntando su una serie di fonti rinnovabili in Angola. "In Angola vediamo un potenziale molto forte per l'energia solare - dice Jouny -. Attualmente abbiamo un progetto solare nella città di Lubango, nella provincia di Huila, nel sud dell'Angola. Presto decideremo su una una centrale solare da 35 megawatt".

Stando a Jouny Total punta ad eliminare la combustione in torcia e a passare alle energie rinnovabili: "In Angola puntiamo a ridurre la combustione a torcia nei nostri impianti". Una politica che anche il governo angolano sta portando avanti: "Vogliamo eliminare la combustione a torcia in tempi brevi", ha confermato Jerónimo a Euronews.

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Angola: João Lourenço verso il bis