This content is not available in your region

Un viaggio illuminante: il batterista jazz Gregory Hutchinson scopre un passato ancestrale

Di Chris Burns  & Dinamene Cruz
euronews_icons_loading
Un viaggio illuminante: il batterista jazz Gregory Hutchinson scopre un passato ancestrale
Diritti d'autore  euronews

Il musicista jazz Gregory Hutchinson  ha visitato la storica città di Luanda, che  si appresta a celebrare il suo 450° anniversario.

Prima dell'arrivo dei portoghesi,  nel 1575, Luanda era un avamposto commerciale per i grandi regni del Congo e di Ndongo. Cinque secoli dopo, la città  sta riscoprendo, affrontando e abbracciando gran parte del suo passato e spera di affermarsi come una delle città storiche del continente africano, un riferimento soprattutto per coloro che fanno parte della diaspora angolana globale.

Uno dei tanti spazi culturali di Luanda è dedicato al tema del ritorno a casa. Il batterista americano Gregory Hutchinson ha suonato con artisti del calibro di Betty Carter, Wynton Marsalis, Joe Henderson e John Scofield. E ha organizzato un concerto nella terra dei suoi antenati. 

Appuntamento con la storia

Nel corso dei secoli, milioni di angolani furono inviati come schiavi nelle Americhe. E c'è molto di più in questa storia che è anche una storia di resistenza  contro i colonizzatori e di rinnovamento nella capitale dell'Angola di oggi.

 Gregory Hutchinson ci racconta la sua esperienza: 

"Per me è stato fantastico venire qui , è stata un'illuminazione,  camminare e vedere le diverse attrazioni. Ti sveglia e ti fa capire che c'è ancora molto da imparare. Questa è  una giornata importante per me"

Hutchinson parla dal Museo Nazionale della Schiavitù, che espone i manufatti e gli orrori di un commercio che ha fatto molte vittime, oltre ogni immaginazione. Sono esposte le catene e gli altri dispositivi utilizzati per trattenere gli schiavi mentre venivano condotti alle navi…

Questo è l'inizio di un viaggio per me. Mi hanno dato uno schiaffo in faccia e ora mi metterò al lavoro.
Gregory Hutchinson
musicista

Ad aiutarlo a entrare in contatto con questa storia è Carlos Bumba, fondatore del TAC Tour Angola.

" Questa  - spiega Bumba - è una Luanda che ha secoli di testimonianze della tratta degli schiavi, dello sfruttamento e della deportazione di persone al di là dell'Atlantico. Gli schiavi venivano catturati nell'interno a poi trasportati fino all'incontro con i loro acquirenti.  Questa Luanda ha tracce, ha segni, ha testimonianze di dove sono passati gli schiavi, dove sono stati incatenati gli schiavi e dove sono stati immagazzinati . 

A questa storia si affianca quella di una lotta contro i colonizzatori portoghesi, condotta dalla regina più famosa dell'Angola.

La regina Njinga

La regina Njinga visitò Luanda per la prima volta nel 1622, 400 anni fa. Suo fratello, allora re di Ndongo, l'attuale Angola, inviò l'allora principessa a negoziare con il governatore portoghese sulla schiavitù. In seguito avrebbe trascorso il resto della sua vita a resistere ai portoghesi.

E così, oggi,  l'architetto Paulo Furtado, amministratore del quartiere Ingombota di Luanda, afferma che la città sta facendo della Queen Nijnga  Street ,dopo aver rinnovato il lungomare, un'attrazione turistica speciale. 

"Con questo progetto riusciremo a raggiungere l'obiettivo di riportare la gente in città."

Un viaggio straordinario alla scoperta di uno dei più grandi batteristi jazz del mondo che torna nella storica città di Luanda.