This content is not available in your region

Angola: le formiche di Cazenga, club di basket che trasforma i sogni dei giovani in realtà

Di Chris Burns  & Dinamene Cruz
euronews_icons_loading
Angola: le formiche di Cazenga, club di basket che trasforma i sogni dei giovani in realtà
Diritti d'autore  euronews

Il club sportivo "Formigas do Cazenga" da 20 anni realizza i sogni dei giovani di Cazenga, una municipalità di Luanda, la capitale dell'Angola. Come ci riesce? Attraverso una partnership tra l'Angola, la Francia e una scuola di basket di proprietà di una ex stella della Nba. Duro lavoro e dedizione è il motto del club, motivo per cui gli atleti che ne fanno parte si chiamano Formigas do Cazenga, le formiche di Cazenga. L'allenatore Eduardo Fonseca ha fondato questo club di basket 20 anni fa.

"Il nome è dovuto al modo in cui le formiche si organizzano: la forza lavoro, la volontà, l'umiltà e il fatto che non smettono mai di lavorare, sono sempre concentrate, anche le più giovani", dice Fonseca. In questi vent'anni il club ha accolto migliaia di bambini angolani per insegnargli il basket e molto altro. "Qui si insegna prima di tutto l'educazione - dice Fonseca -. Si tratta di trasmettere dei valori morali, etici, culturali ai nostri giovani e imparare a educare, rispettare ed essere organizzati e perseverare nella vita. Al momento nel club ci sono 180-190 atleti".

Una delle giocatrici delle Formigas è Sara Caetano. "Quando ho cominciato gli allenatori hanno dimostrato fin dall'inizio di non essere solo quello, sono quasi dei genitori - dice Sara Qui -. Qui ho delle sorelle su cui posso contare. Ho imparato molto, non solo come giocatrice, ma anche come persona. Ho imparato che nello sport, nella vita, devi essere gentile, devi essere rispettoso delle persone, non solo in campo, ma anche fuori. E che, nonostante tutto, devi essere un buono studente".

Al progetto partecipa anche l'ex stella della Nba Tony Parker, playmaker dei San Antonio Spurs con cui ha vinto quattro titoli. Parker ha creato un'accademia alle porte di Lione: Sara è una delle sue allieve. "Ho sempre voluto creare un'accademia - dice Parker -. Ho sempre saputo di volerlo fare al termine della mia carriera. Abbiamo aperto nel 2019, quindi sono tre anni ormai. Per me è un ottimo modo di restituire qualcosa, ho sempre saputo di volerlo fare".

Nato in Belgio da padre americano e da madre olandese, Parker è cittadino francese ed è stato il giocatore di punta della nazionale. Oggi sostiene una serie di enti di beneficenza, tra cui la sua accademia. "Per me poter vedere il sorriso sul volto di un bambino, e dargli un'opportunità di realizzare i loro sogni, non ha prezzo - dice l'ex giocatore degli Spurs -. Voglio solo assicurarmi che tutti i ragazzi che vengono all'accademia possano realizzare i loro sogni".

Parker continuerà a cercaare altre giocatrici come Sara, in Angola e in altre parti del mondo. "Voglio andare in Angola - dice l'ex cestista -. Abbiamo iniziato con Sara perché aveva il potenziale per fare qualcosa con la squadra di basket che aiutiamo laggiù. Voglio andarci e cercare altre ragazze come Sara".