This content is not available in your region

Matrimonio omosessuale legale in Svizzera: Laure e Aline tra le prime a beneficiarne

Access to the comments Commenti
Di Aleksandar Brezar
Laure e Aline, una delle tante coppie omosessuali svizzere che si sposeranno il 1° luglio 2022
Laure e Aline, una delle tante coppie omosessuali svizzere che si sposeranno il 1° luglio 2022   -   Diritti d'autore  Archivio personale

Questa coppia sarà tra le prime a sposarsi venerdì mattina, quando il matrimonio tra persone dello stesso sesso diventerà legale in Svizzera.

Laure e Aline, nativi di Ginevra, aspettano questo giorno da quando si sono conosciute, 21 anni fa.

"Abbiamo spedito gli inviti all'ultimo minuto", racconta Laure a Euronews. "Le persone a volte hanno problemi a rendersi disponibili il venerdì alle 11 del mattino. Ci sarà la nostra famiglia e anche alcuni amici. Sarà un bel momento da condividere con i nostri cari".

"È molto emozionante e siamo molto felici di poter rappresentare il matrimonio per tutti".

La nuova legge significa più sicurezza per le famiglie e i bambini

Dopo essersi conosciuti, le due donne hanno rapidamente stipulato un'unione civile a Ginevra, la prima città nel Paese a concedere alle coppie dello stesso sesso alcuni dei diritti e delle tutele delle coppie sposate.

La legge locale, tuttavia, non consentiva loro di accedere alle agevolazioni fiscali o all'assicurazione sanitaria congiunta, che all'epoca erano definite dalle leggi federali.

Nel 2014, Laure e Aline sono diventate partner registrate, una disposizione legale svizzera che consente a due persone dello stesso sesso di unirsi in quello che è un miglioramento delle unioni civili, ottenendo diritti simili a quelli delle coppie sposate.

Tuttavia, dopo aver avuto un figlio attraverso una gravidanza medicalmente assistita, si sono rese conto che la legge presentava alcune differenze fondamentali.

Anche se Laure ha dato alla luce il loro figlio, che ora ha quattro anni, Aline ha dovuto fare i salti mortali e aspettare anni per essere riconosciuta come genitore.

"Io sono la madre biologica", ha spiegato Laure, "quindi Aline non aveva alcun diritto su di lui".

"Bisogna aspettare che il bambino viva insieme a voi come coppia per un anno. E poi dovete affrontare la procedura di adozione, che dura circa due anni".

"E ora, legalmente, siamo i due genitori riconosciuti, le sue madri", ha detto.

La nuova legge metterà le coppie omosessuali su un piano di maggiore parità con le coppie eterosessuali, garantendo loro la possibilità di richiedere l'adozione congiunta di bambini, di ereditare la pensione del partner deceduto o di accedere alla procedura di cittadinanza nel caso in cui uno dei due non abbia la cittadinanza svizzera.

"Per noi ci sono molte cose che ci danno più sicurezza in relazione alla famiglia e ai bambini", ha detto Laure.

"Anche il diritto all'adozione è importante. È vero che non ci riguarda direttamente, perché non adotteremo, ma è qualcosa di importante per le future coppie che si sposeranno".

Il matrimonio tra persone dello stesso sesso non è privo di oppositori

La Svizzera è uno degli ultimi Paesi dell'Europa occidentale a consentire il matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Nelle prossime settimane centinaia di coppie in tutta la Svizzera trasformeranno la loro unione registrata in un matrimonio.

A Zurigo c'è il tutto esaurito, con 26 coppie omosessuali che si sposeranno il 1° luglio.

E dopo venerdì, alcuni potranno anche avere la possibilità di celebrare una cerimonia religiosa. Sia le chiese protestanti che quelle riformiste si sono espresse a favore del matrimonio tra persone dello stesso sesso; la prima ha dichiarato nel 2019 che avrebbe proposto una disposizione nel proprio regolamento che permettesse ai singoli pastori di decidere di sposare coppie dello stesso sesso nella propria chiesa.

La legge, tuttavia, non è stata priva di oppositori. Nel 2016 i cristiano-democratici del Paese hanno spinto per un referendum che avrebbe definito il matrimonio come "convivenza duratura tra un uomo e una donna", nel tentativo di rendere illegali le nozze tra persone dello stesso sesso secondo la Costituzione federale.

Il referendum, che necessitava di una maggioranza semplice, è stato respinto con un margine minimo dello 0,8% dei votanti, pari ad appena 54.979 voti.

Dopo l'approvazione di un'iniziativa parlamentare per il riconoscimento del matrimonio omosessuale da parte del Consiglio nazionale del Paese nel dicembre 2020, l'Unione Democratica Federale di destra si è avvalsa di una disposizione della legge svizzera che le consentiva di chiedere un altro referendum se avesse raccolto più di 50.000 firme.

Tuttavia, il referendum del 2021 ha visto il 61,4% degli elettori e tutti i 26 cantoni del Paese favorevoli alla legalizzazione del matrimonio tra persone dello stesso sesso.

Laure e Aline non avevano inizialmente intenzione di sposarsi il 1° luglio. Ma hanno deciso di anticipare le nozze dopo aver visto l'appello di un'associazione per i diritti LGBTQ+, Dialogai, che cercava coppie che potessero sposarsi il primo giorno in cui il matrimonio tra persone dello stesso sesso sarebbe diventato legale.

L'organizzazione li ha aiutati a sbrigare le pratiche burocratiche, assicurandosi che presentassero la cerimonia all'ufficio anagrafe, e la coppia ha persino incontrato il sindaco di Ginevra, ha spiegato Laure.

Non si aspettavano però l'attenzione mediatica che ne è derivata, ma Laure ritiene che un po' di pressione in più prima della cerimonia sia normale.

"Non siamo affatto abituati a questo, ci mette un po' di pressione. Ma questo non ci impedisce di essere molto contenti di quello che stiamo facendo e di avere questa visibilità".