This content is not available in your region

Dissidente russo: "Sentivo la necessità di ripulirmi la coscienza"

Access to the comments Commenti
Di Ludovica Longo
euronews_icons_loading
Yegor Polyakov ,ex caporedattore della sezione Economia di Lenta.Ru
Yegor Polyakov ,ex caporedattore della sezione Economia di Lenta.Ru   -   Diritti d'autore  скриншот из видео LUSA

Yegor Polyakov è l' ex caporedattore della sezione Economia di Lenta.Ru, uno dei più popolari outlet online filo-governativi russi.

Il 9 maggio Yegor e la sua collega Alexandra Miroshnikova hanno segretamente pubblicato su Lenta.Ru alcune notizie censurate dal Cremlino sulla guerra in Ucraina, criticando il regime di Putin.

I lettori sono stati avvertiti che il contenuto non era stato approvato dalla redazione ma articoli sono rimasti online per 40 minuti. Entrambi i giornalisti hanno lasciato la Russia perché in patria rischiano la persecuzione penale.

Ne ha parlato il Yegor Polyakov a un mese dagli eventi con Euronews:

"Su Lenta.ru sono stati pubblicati dei testi in cui, a parer mio , c'erano informazioni abbastanza veritiere su ciò che sta accadendo ora in Russia e in Ucraina, il nostro vicino più prossimo

Gli articoli toccavano tutti gli argomenti sui quali le autorità russe volevano tacere.

Ho preso questa decisione in fretta, ci sono state diverse settimane di shock totale dopo l'inizio della guerra, poi ho cercato l'opzione migliore per me stesso e per la mia coscienza, ho riflettuto su cosa potessi fare per influenzare questa situazione.

Si tratta di ripulire la mia coscienza.

A mio parere, alcune persone stanno cercando di negare la responsabilità collettiva.

Molti concittadini russi si sono rassicurati per molto tempo con la convinzione che non impegnarsi in politica significasse non partecipare alla guerra.

Ma no, nella società moderna, nella normale società moderna, non funziona così.

La vostra non partecipazione, purtroppo, è esattamente identica alla partecipazione.

Se ti allontani dalla lotta, ma la lotta avviene davanti ai tuoi occhi, non smetti di essere un complice, ma sei come minimo un testimone.

Ma prima di tutto, ho preso questa decisione per far sentire ad altri russi che la pensano allo stesso modo che non sono soli, perché ora vengono adottate molte leggi repressive, e i miei concittadini sono costretti a vivere secondo queste leggi.

Per un paio di frasi si può ottenere come minimo una multa e come massimo 15 anni di prigione.

Sospetto che per molti questo sia uno stress terribile, quegli articoli erano in primis per tutti loro. Affinché non pensino di soffrire da soli.

Ho cercato di sostenerli in qualche modo, di tirarli su, perché la tirannia non può essere infinita, prima o poi finirà."