EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Guterres: "dalla guerra in Ucraina conseguenze gravi e sistemiche"

Antonio Guterres, Segretario generale dell'Onu
Antonio Guterres, Segretario generale dell'Onu Diritti d'autore Mary Altaffer/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Mary Altaffer/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il segretario generale dell'Onu lancia l'allarme Guterres sull'impatto della guerra sui settori alimentare e finanziario "la crisi sta accelerando", dice, e chiede la fine delle ostilità.

PUBBLICITÀ

Il secondo rapporto delle Nazioni Unite sulla guerra in Ucraina è impietoso.

"L'impatto della guerra sulla sicurezza alimentare, l'energia e la finanza è sistemico, grave e sta accelerando: la guerra in Ucraina deve finire", dice testualmente il segretario generale dell'ONU Antonio Guterres. 1, 6 miliardi di persone ne risentono.

"A tre mesi dall'invasione russa dell'Ucraina, ci troviamo di fronte a una nuova realtà: chi è sul campo, ogni giorno subisce nuovi spargimenti di sangue e sofferenze, e per le persone in tutto il mondo, la guerra, insieme alle altre crisi, minaccia di scatenare un'ondata senza precedenti di fame e indigenza, lasciando dietro di sé il caos sociale ed economico", queste le parole del Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres.

La crisi alimentare è al centro anche dei colloqui che il ministro degli esteri russo Lavrov tiene in Turchia in queste ore. Il ministro si è detto disponibile ad assicurare l'uscita senza incidenti delle navi per esportare il grano ucraino: 20 milioni di tonnellate, è la stima, sono bloccate in magazzini multipiano del porto ucraino di Odessa, Guterres chiede un piano per l'export.

Nonostante le dichiarazioni di Lavrov, l'esito degli incontri di Ankara non è tuttavia soddisfacente e il ministro insiste perché gli ucraini sminimo i porti. Mosca dice che il grano può partire ma solo se vengono tolte le sanzioni russe.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Chi guadagna dalla guerra? Le compagnie di combustibili fossili

Dissidente russo: "Sentivo la necessità di ripulirmi la coscienza"

Accordo sul grano. Mosca: "Si al passaggio sicuro delle navi"