"Tassare i ricchi". Il monito a Davos per un mondo più equo

Il Forum Economico di Davos 2022
Il Forum Economico di Davos 2022 Diritti d'autore Markus Schreiber/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La direttrice esecuitiva di Oxfam ha chiesto un'aliquota compresa tra il 2% al 5% per il patrimonio dei milionari. Al Forum economico la richiesta si fa sempre più insistente

PUBBLICITÀ

La pandemia di covid-19 ha creato un milionario e un milione di persone a rischio di estrema povertà in più ogni 30 ore. Lo ha rivelato il direttore esecutivo di Oxfam international Gabriela Bucher parlando al Forum economico di Davos che dopo un anno di stop a causa della pandemia è tornato a riunire economisti, politici e ricchi imprenditori. Secondo il capo dell'organizzazione di beneficienza è ora di tassare i ricchi per aiutare i meno fortunati.

"Il problema è sotto gli occhi di tutti, le crisi si stanno manifestando e si ripercuotono su più livelli, ma l'aspetto positivo è che i soldi ci sono. Devono solo essere distribuiti meglio, ma mancano i mezzi per farlo", ha detto Bucher durante la rassegna. "Come Oxfam proponiamo una tassazione con aliquote basse, con tassi dal 2% al 5% per i milionari, possiamo raccogliere molti soldi per affrontare questi problemi sociali", ha continuato la numero uno di Oxfam.

Alcuni dei ricchi imprenditori intervenuti nella rassegna stanno già chiedendo ai leader del mondo di affrontare il problema dell'aumentato costo della vita tassando gente come loro. Molti di loro hanno anche partecipato alle proteste di domenica scorsa in cui i manifestanti chiedevano misure per un mondo più giusto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Come funzionerà la tassa minima per le multinazionali

Austria, un'ereditiera critica verso il sistema fiscale vuole distribuire 25 milioni

Stop agli sgravi fiscali: il Portogallo blocca le agevolazioni per stranieri residenti nel paese