This content is not available in your region

World Economic Forum di Davos, l'intervento di Zelensky: "Massime sanzioni contro la Russia"

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World - Ansa - Agenzie internazionali
euronews_icons_loading
Zelensky si è confrontato con Davos.
Zelensky si è confrontato con Davos.   -   Diritti d'autore  Markus Schreiber/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Il Gotha della finanza internazionale, riunito a Davos, ha riservato un lungo applauso a Volodymyr Zelensky, in collegamento video da Kiev.. 

Il presidente ucraino ha tenuto un breve discorso al World Economic Forum 2022, in corso di svolgimento nella nota località svizzera. 

"Servono sanzioni massime contro la Russia. Serve un embargo completo sul petrolio, che tutte le banche russe siano escluse dai sistemi globali e che non ci sia nessun commercio con la Russia".

"Chiedo il ritiro completo di tutti i paesi stranieri e di tutte le aziende internazionali dalla Russia, in modo che non vengano utilizzati per gli "interessi sanguinari" di Mosca", ha dichiarato Zelensky. 

"Ora si decide se la forza bruta governerà il mondo. Se è questa a comandare, allora i nostri pensieri non servono nemmeno. E a Davos non ha nemmeno più senso riunirsi.
Perché? La forza bruta non cerca altro che la sottomissione di coloro che vuole sottomettere. E non discute, ma uccide immediatamente. Come la Russia si sta comportando in Ucraina proprio ora, mentre stiamo parlando, in questo preciso istante".
Volodymyr Zelensky
44 anni, presidente dell'Ucraina

"Serve sbloccare i nostri porti sul Mar Nero. Bisogna usare tutti i canali diplomatici, perché da soli non possiamo lottare contro la Russia. Noi parliamo con la Commissione europea, il Regno Unito, la Svizzera, la Polonia, e l'Onu e chiediamo loro di prendere misure per un corridoio per l'export del nostro grano e dei cereali - ha aggiunto Zelensky -, altrimenti la penuria avrà effetti sul mondo e ci sarà una estensione della crisi energetica e, persino, della crisi alimentare". 

"Non aspettate un fuoco letale, non aspettate che la Russia usi armi specialim chimiche, biologiche o, Dio non voglia, nucleari.
Non date all'aggressore l'impressione che il mondo non opporrà una resistenza adeguata".
Volodymyr Zelensky
44 anni, presidente dell'Ucraina

Poi ha invitato alla ricostruzione. 
"Offriamo al mondo la possibilità di creare un precedente per ciò che sta accadendo quando si tenta di distruggere un paese vicino. Vi invito a prendere parte a questa ricostruzione. Avremo bisogno di ricostruire tutto, le città grandi e quelle piccole, i paesi, i villaggi. Ci sarà bisogno dei migliori architetti, dei migliori ingegneri, dei migliori operati. C'è bisogno di voi"; ha dichiarato il presidente ucraino, citando poi una massima di George Marshall, il "ricostruttore" dell'Europa dopo la Seconda Guerra Mondiale.  

"Grazie alla Svizzera, perchè organizza il Forum di Davos e perchè, a Lugano, in luglio, ospiterà l'Ukraine Recovery Conference". 

"Io sono riconoscente al mondo, a tutti voi ci avete aiutato e che ci state aiutando: non perdete questo sentimento di unità, è il segno della forza che i russi temono", ha concluso Zelensky.