This content is not available in your region

"Non chiamateci traditori". Fuga dei media dalla Russia

Access to the comments Commenti
Di Giulia Avataneo
euronews_icons_loading
TV Rain in Russia
TV Rain in Russia   -   Diritti d'autore  AP Photo/Denis Kaminev

I rifugiati russi sono sparsi in tutta Europa. Abbiamo parlato con un produttore di Budapest e con l'ex vicedirettore del notiziario indipendente russo TV Rain, chiuso da poco. Tornare in patria sembra molto difficile o addirittura impossibile per loro, ma non sentono di aver tradito il proprio Paese.

Esodo dal 24 febbraio

Oltre sei milioni di persone hanno lasciato l'Ucraina dall'inizio dell'invasione russa, ma la guerra costringe alla fuga anche molti russi, soprattutto quelli che lavorano nei media.

Una di loro, Lena Vasileva, ha trovato rifugio a Budapest. Per dare un contributo alla comunità, fa volontariato in un centro diurno per bambini ucraini rifugiati. È una produttrice e ha studiato in Ungheria, quindi conosce bene Budapest. Dopo lo scoppio della guerra, la sua decisione è stata quasi immediata. Condanna apertamente l'invasione russa, una posizione per la quale molti connazionali la considerano una traditrice.

"Io però non critico in generale la Russia - obietta - Ce l'ho con lo Stato, la burocrazia che prende decisioni al posto nostro. Non sono ucraina, sono russa e non sarò mai nient'altro".

La scure della censura

All'inizio della guerra, uno degli ultimi presidi di libera informazione in Russia era Rain TV, che ha poi cessato le trasmissioni.

Il vicedirettore è fuggito in Lituania. Dmitry Yelovsky dice che ora è quasi impossibile lavorare come giornalista in Russia, ma per lui è stato molto difficile andarsene, anche quando i suoi colleghi hanno ricevuto minacce.

"È stata molto dura e molto triste per me, perché ho passato un mese in Russia quando già sapevo che sarei partito - racconta - Quel periodo è stato pieno di dolore, di addii. Stavo come impacchettando tutto, incasellando i ricordi nella mia mente".

Dmitry ora lavora per il canale YouTube del magnate russo in esilio Mikhail Khodorkovsky. Qui almeno può chiamare la guerra con il suo nome senza incorrere nel rischio di commettere un reato penale. Ma è convinto che finché Putin sarà al governo, sarà impossibile per lui fare ritorno a casa.