This content is not available in your region

Ucraina: assalto finale all'acciaieria Azovstal

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Mariupol, l'ultimo baluardo della resistenza ucraina
Mariupol, l'ultimo baluardo della resistenza ucraina   -   Diritti d'autore  AP / Servicio de Prensa del Ministerio del Interior de la República Popular de Donetsk.

Continuano gli attacchi russi all'acciaieria Azovstal, l’ultima sacca della resistenza ucraina a Mariupol nonostante l'annuncio di un cessate il fuoco per consentire l’evacuazione dei civili. Un secondo tentativo di salvataggio è stato portato a termine giovedì e un terzo è atteso per oggi.

Leggi anche La mappa della guerra, da Mariupol al fronte orientale

Resistenza fino all'ultimo proiettile

Il primo ministro di Kiev, Denys Shmyhal, ha parlato di resistenza eroica: "A Mariupol, ad Azovstal, la situazione è critica. Le truppe russe bombardano e continuano ad attaccare con ripetutivi tentativi. I nostri soldati stanno reagendo eroicamente. Una resistenza fino all'ultimo proiettile”.

Il secondo salvataggio dei civili

Nel frattempo, giovedì, le Nazioni Unite sono riuscite a scortare un secondo convoglio con oltre 300 civili fuori dall'area di Azovstal. Per oggi è prevista una terza operazione di salvataggio. In un appello al segretario generale delle nazioni unite, il presidente ucraino Zelensky ha chiesto di “salvare” i feriti che si trovano ancora all’interno dell’acciaieria.

"Abbiamo portato a termine il secondo salvataggio di civili da Mariupol e da altre aree intorno al porto della città: 11 autobus pieni di persone, donne, bambini e anziani alla ricerca di un rifugio sicuro", ha confermato Ghada Eltahir Mudawi, direttrice operazioni dell'Ufficio delle Nazioni Unite per gli affari umanitari.

La conferenza dei donatori per l'Ucraina

Intanto più di sei miliardi di euro sono stati raccolti alla conferenza dei donatori per l'Ucraina, organizzata congiuntamente da Polonia e Svezia, in cooperazione con l'Unione europea, e ospitata a Varsavia. Un'iniziativa che guarda oltre: le risorse sono infatti destinate alla ricostruzione post bellica di un Paese ancora dilaniato dalla guerra.

I russi liberano Mariupol da detriti e cadaveri

Il resto della città distrutta è già sotto il controllo russo. Secondo l’intelligence ucraina la Russia sta preparando una parata militare per il 9 maggio, giorno della vittoria sui nazisti e per questo sta rimuovendo cadaveri e macerie dalle strade e restaurando edifici.

Per approfondire:

**Oltre sei miliardi per la ricostruzione in Ucraina
**

Il premier polacco: "Quasi certo embargo sul petrolio russo"

Lukashenko: "Inammissibile usare armi nucleari"