This content is not available in your region

Donatori per l'Ucraina: raccolti 6 miliardi di euro per la ricostruzione post bellica

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La guerra in Ucraina
La guerra in Ucraina   -   Diritti d'autore  Alexei Alexandrov/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.

Più di sei miliardi di euro sono stati raccolti alla conferenza dei donatori per l'Ucraina, organizzata congiuntamente da Polonia e Svezia, in cooperazione con l'Unione europea, e ospitata a Varsavia.
Un'iniziativa che guarda oltre: le risorse sono infatti destinate alla ricostruzione post bellica di un Paese ancora dilaniato dalla guerra

"Oggi ci siamo riuniti con uno scopo molto chiaro: sostenere il coraggioso popolo dell'Ucraina - dice la presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen - Gli ucraini, che stanno combattendo contro gli aggressori, si battono per la loro libertà e noi ci schieriamo con loro".

Siamo alla decima settimana dall'inizio dell'invasione brutale della Russia. E sono anche 10 settimane in cui l'Unione europea è fermamente al fianco dell'Ucraina
Ursula von der Leyen
presidente Commissione europea

Dall'inizio della guerra, l'Ucraina ha ricevuto più di 12 miliardi di dollari di aiuti in armi e finanziamenti.
"Siamo molto grati per questo sostegno cruciale" ha detto il primo ministro ucraino Denys Shmyhal mentre il presidente Volodymyr Zelensky, collegato in videoconferenza, ha parlato di un programma di recupero su larga scala per l'Ucraina dopo il conflitto.

Abbiamo bisogno di un piano strategico di sostegno internazionale: un analogo moderno dello storico Piano Marshall. Si tratte delle risorse, la tecnologia, le competenze e le opportunità di crescita che sono necessari per tornare a una vita sicura, alla modernizzazione e allo sviluppo sociale
Volodymyr Zelensky
presidente ucraino

Il presidente Zelensky ha detto che sono necessari fondi per ricostruire l'economia e le infrastrutture del suo Paese, aggiungendo che si tratta di un "investimento nella stabilita' dell'intera Europa centrale e orientale".