This content is not available in your region

Onu: c'è l'intesa con la Russia sugli aiuti umanitari in Ucraina

Access to the comments Commenti
Di Gianluca Martucci
euronews_icons_loading
Il Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres e il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov
Il Segretario generale dell'Onu Antonio Guterres e il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov   -   Diritti d'autore  Maxim Shipenkov/AP

Il Segretario dell'Onu Antonio Guterres in visita a Mosca ha ottenuto la disponibilità del ministro degli Esteri Russo Serghei Lavrov a collaborare per la fornitura di aiuti umanitari ai civili ucraini. Le speranze di una tregua erano svanite negli scorsi giorni, quando le trattative tra le due parti erano naufragate. Il cessate il fuoco chiesto da Guterres negli scorsi giorni non sarà annunciato, ma il portoghese può dire di aver convinto il Cremlino a impegnarsi almeno sul fronte umanitario. 

"Le Nazioni Unite sono pronte a mobilitare tutte le risorse umane e logistiche per salvare le vite a Mariupol", ha affermato Guterres durante la conferenza stampa che ha seguito l'incontro. "Ho proposto un lavoro coordinato dell'Onu, del comitato internazionale della Croce rossa e delle forze ucraine e russe per consentire l'evacuazione dei civili che sono rifugiati nell'acciaieria Azovstal e nel resto della città e per fornire loro aiuti umanitari", ha continuato. 

Secondo fonti ucraine, sono circa un migliaio le persone rifugiate nell'acciaieria. Circa 100 mila, invece, sono le persone rimaste a Mariupol. 

"Rappresaglie in caso di attacco con armi prodotte in Occidente"

Le promesse del Cremlino sono state oscurate dalla minaccia di Mosca di mettere in atto nuove rappresaglie se le truppe russe di stanza in Ucraina verranno colpite dalle armi che l'Occidente sta fornendo a Kiev. "Siamo pronti a lavorare per trovare una soluzione diplomatica alla crisi ucraina, ma i negoziati non avranno successo se Kiev continuerà a ricevere armi dall'Occidente", ha dichiarato Lavrov in conferenza stampa.

"L'obiettivo principale è proteggere i civili e noi vogliamo lavorare con i colleghi dell'Onu e della Croce rossa per intensificare gli sforzi utili a risparmiare altre sofferenze alla popolazione ucraina", ha detto il ministro russo.

Dopo aver incontrato Lavrov il Segretario generale dell'Onu è stato ricevuto anche dal presidente russo Vladimir Putin, che si è detto favorevole a una soluzione del conflitto basata sugli "strumenti stabiliti dallo statuto Onu". Domani Guterres si renderà a Kiev per incontrare il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba e il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.