Russia: "A Mariupol le truppe ucraine usano i civili come scudi umani"

Attacco in Donbass
Attacco in Donbass Diritti d'autore أ ب
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Avanzata russa in Ucraina orientale. Si intensificano i combattimenti nel Donbass. Nuovo ultimatum alle truppe ucraine asserragliate nell'acciaieria di Mariupol

PUBBLICITÀ

Kreminna è la prima città a cadere nella nuova offensiva in Donbass. Le truppe russe hanno intensificato i loro attacchi in tutta l'Ucraina orientale e si prevede che i combattimenti aumentino nei prossimi giorni.
Continua l'avanzata verso Kramatorsk, uno dei centri militari strategici dell'Ucraina.

Mariupol, nel sud, sta lottando per resistere. Il ministero della Difesa russo ha lanciato un nuovo ultimatum alle truppe ucraine asserragliate nello stabilimento Azovstal.

I vertici militari del Cremlino hanno poi dichiarato un cessate il fuoco temporaneo e aperto un corridoio umanitario.

E, mentre il presidente ucraino accusa le truppe russe di attaccare i civili e di bloccare proprio i corridoi umanitari, la Russia afferma che le forze ucraine stanno usando i civili come "scudi umani" per proteggere il loro ultimo rifugio nella città portuale assediata.

"Gli stessi radicali e neonazisti, che stanno palesemente usando i nostri militari per cercare una copertura nell'acciaieria di Azovstal, hanno continuato ad affermare di avere dei civili nel rifugio per tutto questo tempo - ha detto Dmitry Polyanskiy, vice rappresentante permanente della Federazione Russa - Tutto questo nonostante il fatto che non l'abbiano riferito fino a ieri né abbiano menzionato alcun civile prima, anche quando i militari accerchiati si sono mossi per arrendersi. In questo modo, rivelano ancora una volta la verità. I civili in quella struttura erano lì solo per essere usati come scudi umani".

Secondo il Cremlino, ieri nessuno ha usato il corridoio umanitario per lasciare l'acciaieria. Mosca ha quindi annunciato che è pronta a dichiarare "un altro cessate il fuoco oggi per consentire ai militari di arrendersi e ai civili di andarsene", ha dichiarato il capo del centro di comando della difesa nazionale russo, Mikhail Mizintsev. 

Gli attacchi si sono intensificati anche a Kharkiv, dove sette persone sono rimaste uccise martedì. Il sindaco della seconda città dell'Ucraina riferisce che le truppe russe hanno operato un "bombardamento non-stop dei quartieri civili".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bryansk, un altro misterioso incendio in Russia, in un deposito di carburante: sabotaggio ucraino?

La festa dei soldati ceceni sulle macerie di Mariupol

Ucraina: lanciata l'offensiva russa nel Donbass, attacco su più fronti