EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Guerra in Ucraina: 50.000 rifugiati sono già arrivati in Italia

Rifugiati ucraini a Castel Gandolfo, Roma
Rifugiati ucraini a Castel Gandolfo, Roma Diritti d'autore Gregorio Borgia/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Gregorio Borgia/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La maggior parte sono donne e bambini, mentre solo il 10% sono uomini. Roma si aspetta 500.000 profughi

PUBBLICITÀ

La maggior parte arriva in autobus, qualcuno a bordo di auto private. Oltre 50.000 profughi in fuga dal conflitto in Ucraina hanno scelto l'Italia, come nuova casa, in attesa di un miglioramento della situazione nel loro Paese. O forse per sempre. 

La maggioranza sono donne e minori, mentre meno del 10% sono uomini. Lo fa sapere il Viminale, precisando che le principali città di destinazione dichiarate al momento dell'ingresso sono Milano, Roma, Napoli e Bologna.

Una buona parte degli ucraini che scelgono l'Italia lo fa per raggiungere famigliari o amici, che già ci vivono. Basti pensare che nella penisola, prima dello scoppio del conflitto, risiedevano 236.000 ucraini, la comunità più grande in Europa.

Il Capo della Protezione Civile, Fabrizio Curcio, facendo il punto nei giorni scorsi sull'emergenza profughi, aveva spiegato che la maggior parte dei rifugiati ucraini stava arrivando in Italia passando per la frontiera slovena e distribuendosi poi sul territorio in maniera autonoma. Nei sistemi di accoglienza strutturati, infatti, sono solo 2.000/2.500 le persone ospitate.

Roma si aspetta il numero dei profughi più alto mai sostenuto: almeno 500.000.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Kiev, ancora una zona residenziale colpita da un bombardamento in periferia

Herzog a Roma tra le proteste, Meloni: "Lavorare a soluzione due Stati, Italia vicina a Israele"

Rapporto Ue sullo stato di diritto, Fnsi: “Confermato il nostro allarme”