This content is not available in your region

Turchia, turisti russi in calo. Il settore teme la crisi

Access to the comments Commenti
Di euronews
euronews_icons_loading
frame
frame   -   Diritti d'autore  frame

Le sanzioni occidentali contro la Russia colpiscono anche il turismo in Turchia, una delle destinazioni privilegiate da tanti cittadini russi.

Oltre alle limitazioni di viaggio, ai collegamenti aerei sospesi o cancellati, a scoraggiare viaggi e spostamenti contribuisce anche la sospensione delle banche russe dai princiopali circuiti internazionali delle carte di credito, come Master Card o American Express.

Tra quelli che lo stesso non rinunciano a una vacanza, alcuni, come quest'uomo, si sono preparati prima di partire, portando con sè denaro contante. "Stando in albergo non mi serve niente, ma se dovessi comprare qualcosa o visitare qualche posto non saprei come altro pagare".

Dal versante degli operatori turistici la musica non cambia: per loro le sanzioni hanno già cominciato a causare conseguenze negative nelle economie di molti posti, come spiega Anna Yigit, direttrice di un hotel di Antalya.

"L'anno scorso ad Antalya sono venuti 9 milioni di turisti, e il 57 per cento di loro erano russi, ucraini o bielorussi. Da questa crisi ci attendiamo un impatto molto pesante sul settore turistico".

Dopo il blocco causato dalla pandemia da covid-19 il governo di Ankara puntava per la prossima estate a una netta ripresa, per un mercato che in condizioni normali vale più di 30 miliardi di euro. Tuttavia le perdite economiche reali dipenderanno dalla durata delle sanzioni antirusse.