EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Ucraina: 2,5 milioni di profughi in 15 giorni, la metà in Polonia

Profughi ucraini a Przemysl in Polonia
Profughi ucraini a Przemysl in Polonia Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Petros Giannakouris/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved
Di Gioia Salvatori
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In Europa è la peggiore crisi umanitaria dal dopoguerra; anche le capitali di Paesi non confinanti stentano a trovare sistemazioni, come Praga. A Berlino arrivano 10mila rifugiati ogni giorno

PUBBLICITÀ

Una crisi umanitaria di dimensioni gigantesche. Un esodo così rapido non si è visto neanche durante la seconda guerra mondiale. Due settimane dopo l'invasione russa già 2 milioni di mezzo di ucraini hanno lasciato il Paese per rifugiarsi soprattutto in Europa; 2 milioni sarebbero gli sfollati interni, quelli che sono rimasti nei confini nazionali ma costretti a lasciare la loro casa. 

I numeri li ha comunicati il responsabile dell'agenzia delle nazioni unite per i rifugiati scrivendo che sono gli effetti, testualmente, di una "guerra insensata".

Più della metà dei profughi sono in Polonia, come Ania, baby sitter:  "Hanno iniziato a bombardare Kiev molto duramente e siamo scappati. Abbiamo preso pochissime cose e siamo scappati, perché eravamo molto spaventati".

A Tegel, a Berlino, un nuovo centro di accoglienza e smistamento

Lo sforzo dei polacchi è enorme ma anche Praga ormai fatica ad accogliere mentre a Berlino, ad appena un'ora dal confine polacco, arrivano 10mila persone al giorno; Franziska Giffey, la sindaca di Berlino racconta come la città si muove per accogliere: "Questa è una nuova dimensione della crisi, lo sapete, nei prossimi giorni inseriremo in rete altri cinque centri di accoglienza regolari e stiamo preparando a Tegel una struttura per 3.000 persone e anche un centro di arrivo e smistamento". 

Tra chi è fuggito ci sono oltre 100mila persone di nazionalità non ucraina come degli studenti indiani che si trovavano a Sumy, nel nord est, sono stati rimpatriati, con voli speciali, da Paesi confinanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

I premier di Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia nella Kiev bombardata

Mariupol sotto le bombe: "Andare a prendere l'acqua e non sapere se si torna vivi"

Nato: per Stoltenberg l'Occidente deve ridurre le restrizioni sulle armi all'Ucraina