This content is not available in your region

Mariupol sotto le bombe: "Andare a prendere l'acqua e non sapere se si torna vivi"

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Mariupol sotto le bombe: "Andare a prendere l'acqua e non sapere se si torna vivi"
Diritti d'autore  Evgeniy Maloletka/Copyright 2022 The Associated Press. All rights reserved

Bombardamenti, fumo, blindati che presidiano le strade di Mariupol, città portuale dell’Ucraina sulla costa settentrionale del mar d’Azov.
Una morsa per gli abitanti della città sotto assedio. 

Mariupol, civili intrappolati

In un tweet la Croce Rossa Internazionale lancia un nuovo appello: "Il tempo sta per scadere per centinaia di migliaia di persone intrappolate a Mariupol - si legge - Stanno sopportando un incubo e non possono più resistere. Chiediamo urgentemente un patto umanitario. La gente ha bisogno di sicurezza. La gente ha bisogno di acqua, cibo, medicinali. E ne ha bisogno ora".

Attraverso i social, la Croce Rossa fotografa una situazione estrema: "Quando andare a prendere l'acqua diventa una questione di vita o di morte - è scritto in un altro tweet - quando il team esce per cercare dell'acqua, non si sa se farà ritorno. Ma dobbiamo continuare a supportare le 60 persone, che trovano riparo nel nostro ufficio, specialmente bambini".

''Civili non evacuati? Colpa dei nazionalisti''

Mikhail Mizintsev del centro di Comando della difesa russa dà la colpa agli stessi ucraini: "Centinaia di migliaia di persone, compresi degli stranieri, sono trattenute con la forza dai nazionalisti che - dice - con la minaccia della violenza fisica bloccano ogni tentativo di lasciare la città".

Le immagini satellitari della statunitense Maxar Technologies mostrano le ferite di Mariupol. Tra queste, infrastrutture civili ed edifici residenziali sventrati in tutta la città.

Maxar
Immagini satellitari di MariupolMaxar

Zelensky: "I russi impediscono anche ai preti ortodossi di portare gli aiuti"

"Abbiamo già evacuato quasi 125.000 persone in territorio sicuro attraverso corridoi umanitari - dice il presidente ucraino Volodymyr Zelensky - il problema principale oggi è Mariupol. Il nostro convoglio con gli aiuti umanitari è a due ore dalla città. Mancano solo 80 km. Stiamo facendo di tutto per contrastare gli occupanti che bloccano persino i preti ortodossi con gli aiuti: cibo, acqua e medicine. Ci sono 100 tonnellate di beni di prima necessità che l'Ucraina ha inviato ai suoi cittadini".

Zelensky ha anche visitato i feriti ricoverati in un ospedale militare.

AP Photo
Zelensky visita i feritiAP Photo

Il presidente ucraino ha reso omaggio ai soldati che hanno affrontato l'offensiva russa nella regione di Kiev, augurando loro una veloce guarigione.