EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

I premier di Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia nella Kiev bombardata

I premier di Polonia, Repubblica Ceca e Slovenia nella Kiev bombardata
Diritti d'autore Twitter / @MorawieckiM
Diritti d'autore Twitter / @MorawieckiM
Di Euronews
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

"Questa tragedia deve finire, per questo siamo a Kiev", scrive il premier polacco Morawiecki

PUBBLICITÀ

Dal blocco di Visegrád - Polonia e Repubblica Ceca, e con loro la Slovenia - arriva un messaggio dalla grande forza simbolica: i primi ministri dei tre Paesi hanno raggiunto Kiev, nonostante i bombardamenti russi abbiano lambito il centro della capitale ucraina.

La delegazione, composta dal premier polacco Mateusz Morawiecki e dal suo vice Jaroslaw Kaczyński, il primo ministro Petr Fiala della Repubblica Ceca e Janez Jansa della Slovenia, è arrivata in treno.

"Dobbiamo fermare questa tragedia, questo è il motivo per cui siamo a Kiev", ha scritto Morawiecki sui social.

Su facebook il premier polacco non usa diplomazia: "Questa guerra è il risultato delle azioni di un tiranno crudele che attacca civili indifesi, bombarda città e ospedali in Ucraina" si legge nel post.

Una visita nella Kiev bombardata

A Bruxelles, i funzionari hanno detto di essere stati informati della visita, ma l'hanno caratterizzata come un'iniziativa spontanea in una zona di guerra. La visita era stata pianificata da diversi giorni, ma è stata tenuta segreta per motivi di sicurezza. Le tre nazioni dell'Europa centrale sono ex Paesi del blocco comunista che ora fanno parte sia dell'Ue che della Nato.

"Ucraina nell'Unione europea"

Il primo ministro sloveno Jansa ha descritto la visita come un modo per sottolineare il fatto che l'Ucraina è un Paese europeo che merita di essere accettato nell'Ue. Infatti, il viaggio dei tre primi ministri arriva due settimane dopo che il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha lanciato un appello emotivo al Parlamento europeo.

"Stiamo lottando anche per essere membri dell'Europa", aveva detto Zelensky ai legislatori dell'Unione il 1 marzo. "Credo che oggi stiamo dimostrando a tutti che è quello che siamo".

Poco prima dell'alba e ore prima che i leader fossero attesi a Kiev, grandi esplosioni hanno risuonato in tutto i perimetro della capitale. Le autorità ucraine hanno parlato di colpi di artiglieria russa. Il bombardamento ha innescato un enorme incendio e un frenetico sforzo di salvataggio in un condominio di 15 piani. Almeno una persona è rimasta uccisa

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Slovenia sceglie il cambiamento. Il premier Janša sconfitto dal Partito della Libertà

I presidenti dei paesi Baltici e della Polonia in visita in Ucraina

Ucraina: 2,5 milioni di profughi in 15 giorni, la metà in Polonia