This content is not available in your region

Guerra in Ucraina, Kallas: "Con le sanzioni gas più caro? La libertà non ha prezzo"

Access to the comments Commenti
Di Efi Koutsokosta
euronews_icons_loading
Guerra in Ucraina, Kallas: "Con le sanzioni gas più caro? La libertà non ha prezzo"
Diritti d'autore  euronews

I leader europei si sono riuniti a Parigi per discutere la possibilità di ulteriori sanzioni contro Mosca e nuove misure per rafforzare la difesa e l'indipendenza energetica del blocco. Abbiamo parlato di questi temi con Kaja Kallas, primo ministro dell'Estonia, un paese confinante con la Russia.

**Lei è tra i leader che chiedono con forza una maggiore presenza militare ai vostri confini. Ha paura che all'Estonia tocchi la stessa sorte se Putin avrà successo in Ucraina?
**La domanda corretta sarebbe: alla Nato toccherà la stessa sorte se Putin avrà successo in Ucraina? Noi siamo parte della Nato. L'articolo cinque della Nato dice che un attacco contro uno dei paesi membri è un attacco contro l'intero blocco. Se noi siamo attaccati, allora significa anche che gli Stati Uniti o la Francia o la Germania sono attaccati. E penso che questo sia un passo troppo grande anche per la Russia. Quindi non abbiamo paura, ma ci stiamo preparando. Finora la Nato ha avuto una funzione di deterrenza. Ma ora dobbiamo passare al piano di difesa, dobbiamo essere pronti a difenderci se dovesse essere necessario.

Il rischio che il conflitto in Ucraina si estenda all'Europa è una realtà?

Stiamo cercando con tutti i mezzi possibili di aiutare l'Ucraina a proteggere e difendere il proprio paese. Il nostro obiettivo è quello di porre fine a questa guerra e fare di tutto affinché la guerra sia fermata e non vada oltre. Naturalmente, nessuno di noi può prevedere il futuro, capire cosa è giusto o cosa è una decisione sbagliata lungo la strada. Ma questo è quello che stiamo cercando di fare per porre fine alla guerra in Ucraina e, naturalmente, fare in modo che non si estenda.

**Lei ha già detto al Parlamento europeo che Bruxelles ha il dovere morale di rendere l'Ucraina uno stato membro. Perché? In che modo una candidatura aiuterebbe l'Ucraina nel mezzo di una guerra?
**Ho detto che dobbiamo dare all'Ucraina una prospettiva europea. Dobbiamo dare all'Ucraina speranza. Stanno letteralmente combattendo per l'Europa. Quindi, dovremmo anche offrirgli una traiettoria tangibile per unirsi alla famiglia europea. Discuteremo anche di questo. Naturalmente, non succederà da un giorno all'altro. Ci sono dei passi da compiere. Noi l'abbiamo fatto, quindi conosciamo questo percorso. Ma penso che l'Europa tragga vantaggio da un'Ucraina più prospera, più stabile, più orientata allo stato di diritto.

**Non tutti i suoi colleghi hanno la stessa opinione su un allargamento in questo momento. Questo non dovrebbe essere detto chiaramente agli ucraini, invece di fargli delle promesse vuote?
**Non dovremmo fare promesse vuote. Questo è certo. Dobbiamo fare mosse concrete per dare speranza agli ucraini, perché la speranza dà anche forza. Quindi penso che sia un nostro dovere morale dare questa speranza. È il minimo che possiamo fare.

**Durante questa crisi l'Unione europea ha imposto sanzioni senza precedenti contro la Russia e ha rafforzato il legame con gli alleati: ma quali ulteriori misure può permettersi di prendere Bruxelles? Cosa c'è sul tavolo in questo momento?
**È vero che l'Europa si è dimostrata unita e molto veloce nell'agire e nell'imporre le sanzioni. Finora l'Europa non è stata un'organizzazione particolarmente agile. Quindi penso che abbiamo sorpreso Putin. Abbiamo sorpreso il mondo, ma abbiamo sorpreso anche noi stessi con questa dimostrazione di forza e rapidità. Siamo già al quarto pacchetto di sanzioni che si aggiungono a quelle già in vigore dal 2014. Stiamo esplorando ulteriori soluzioni per mettere più pressione sulla macchina da guerra di Putin e per tagliargli le risorse, in modo che non possa continuare con questa guerra. Le sanzioni fanno male, ma abbiamo anche bisogno di pazienza strategica per far sì che le sanzioni entrino in vigore e abbiano davvero il loro effetto.

**Ma qual è il prezzo che i cittadini europei devono pagare per tutto questo? Cosa direbbe loro?
**Il gas potrà anche essere più caro, ma la libertà non ha prezzo. Voglio dire, io vengo da un paese dove non avevamo la libertà. Sono nata in Unione Sovietica, so molto bene cosa significa. Si dice che capisci il valore della libertà quando ti viene tolta. Ecco perché è molto difficile da spiegare a quei paesi o a quelle persone che non hanno vissuto tutto questo. Ma naturalmente dobbiamo essere onesti con i nostri cittadini e dirgli che ci aspettano tempi duri. Finora le discussioni all'interno dell'Unione europea si sono concentrate sul prendere di mira la macchina da guerra di Putin e limitare le conseguenze per la popolazione russa, visto che le nostre decisioni hanno bisogno anche del sostegno della gente. Se la popolazione non può tollerarle, è difficile mantenere in vigore le sanzioni.

**Primo ministro, questo conflitto ha scatenato tensioni all'interno del suo paese, visto che c'è una minoranza di lingua russa che da anni si lamenta di non essere stata trattata equamente.
**

Di recente queste lamentele non sono state così esplicite. Abbiamo circa trecentomila russofoni, ma non sono un gruppo omogeneo. La maggior parte di loro sono cittadini estoni e sentono il legame emotivo con l'Estonia. In questo momento, a causa della guerra, abbiamo anche una minoranza ucraina. Ci sono tensioni tra questi gruppi e dobbiamo essere molto cauti a come parliamo. È la guerra di Putin ed è il Cremlino che sta facendo questo, non i russofoni. Non possiamo stabilire un legame tra Putin e il popolo russo, dobbiamo tenerli separati.