This content is not available in your region

Moldavia, Gavrilita: "Vogliamo entrare nell'Ue, ma non aderire alla Nato"

Access to the comments Commenti
Di Sandor Zsiros
euronews_icons_loading
Moldavia, Gavrilita: "Vogliamo entrare nell'Ue, ma non aderire alla Nato"
Diritti d'autore  euronews

Sono più di 250mila le persone che hanno trovato rifugio in Moldavia dall'inizio dell'invasione russa in Ucraina. Qualche giorno fa il paese - che ha una regione separatista, la Transnistria, in cui sono presenti truppe russe - ha presentato una richiesta ufficiale per entrare nell'Unione europea. Ne abbbiamo parlato con la premier moldava Natalia Gavrilita.

Come vede la situazione della sicurezza del suo paese con la guerra in Ucraina? La Moldavia è sotto la minaccia militare diretta della Russia?
È molto spiacevole quello che sta succedendo in Ucraina. Condanniamo la guerra e sosteniamo fortemente l'indipendenza e l'integrità territoriale dell'Ucraina all'interno dei suoi confini, riconosciuti a livello internazionale. Viviamo in una regione complessa con problemi di sicurezza anche per la Moldavia, specialmente per quanto riguarda la regione separatista della Transnistria. Ma attualmente non vediamo alcun pericolo o il rischio che la cosa si estenda alla Transnistria. Stiamo portando avanti i negoziati. La Moldavia è un paese neutrale. La sua neutralità è sancita dalla Costituzione e ci aspettiamo che tutti agiscano secondo questo principio.

**Qual è il vostro piano se le truppe russe non si fermassero ai vostri confini?
**

Questo è uno scenario ipotetico. Attualmente siamo molto concentrati sulla gestione del grande flusso di rifugiati. Abbiamo più di 250mila persone che hanno attraversato la frontiera dall'Ucraina. Di queste, si stima che 120mila siano rimaste in Moldavia, il maggior numero in Europa in rapporto alla popolazione. Siamo alla nostra attuale capacità massima e abbiamo bisogno di aiuto e assistenza internazionale per affrontare questa massiccia crisi umanitaria. Quindi siamo concentrati sulle sfide che stiamo affrontando in questo momento piuttosto che discutere uno scenario ipotetico.

**Il numero di rifugiati è molto elevato in rapporto alle dimensioni relativamente piccole del vostro paese, come state gestendo questo afflusso massiccio? Avete bisogno di più assistenza internazionale
**Certamente sì. Come ho detto abbiamo il più grande afflusso di rifugiati mai visto in Moldavia, ma anche probabilmente mai visto in Europa per la sua velocità. La dimensione del flusso di rifugiati è superiore alle stime delle Nazioni Unite prima che l'azione militare iniziasse. La Moldavia è, naturalmente, anche il paese con le risorse più limitate. Abbiamo sicuramente bisogno di assistenza finanziaria e di assistenza umanitaria per essere in grado di sostenere questo flusso di rifugiati. E finché le azioni militari sono in corso, ci aspettiamo che questo continui. Abbiamo urgente bisogno di corridoi verdi verso altri paesi, ma anche di assistenza finanziaria per mantenere le spese che stiamo sostenendo e che abbiamo sostenuto da soli negli ultimi 10 giorni. Solo ora stiamo iniziando a ricevere un po' di assistenza umanitaria. Quindi l'onere sulle risorse moldave è stato grande.

**Nella regione separatista della Transnistria c'è una base militare russa. Avete notato delle attività militari straordinarie? Pensate che quei soldati potrebbero unirsi al conflitto?
**In effetti, come ho detto, abbiamo la regione separatista della Transnistria. Ci sono truppe russe di stanza lì. Abbiamo chiesto il ritiro di quelle truppe costantemente negli ultimi 30 anni. Attualmente non vediamo rischi o piani di impegno. Ma naturalmente, la situazione è incerta e dipende dall'evoluzione in Ucraina. Ma, come ho detto, siamo un paese neutrale e ci aspettiamo che tutti i partner internazionali agiscano in linea con il principio di neutralità. Per ora stiamo discutendo all'interno degli attuali formati di negoziazione e non vediamo alcun segnale o alcun piano di impegno.

**La scorsa settimana la Moldavia ha presentato la sua domanda di adesione all'Unione europea. Normalmente, questo processo di adesione richiede decenni. C'è la possibilità di una procedura accelerata vista la situazione attuale?
**Siamo consapevoli che il processo di integrazione europea è un lungo processo di trasformazione. Allo stesso tempo, vista la situazione di sicurezza nella regione, l'offerta dello status di candidato sarebbe un segnale molto importante per i popoli dei paesi che hanno presentato la richiesta di adesione all'Unione europea. Si sentirebbero benvenuti nel mondo libero e nell'Unione europea, dove i valori democratici, lo stato di diritto e il rispetto dei diritti umani e del diritto internazionale sono principi fondamentali. E naturalmente, siamo pronti a soddisfare i criteri necessari per raggiungere gli standard per entrare nell'Unione europea.

**Alcuni partiti politici rumeni dicono che ci dovrebbe essere un referendum in modo che la Moldavia possa unirsi alla Romania ed entrare nell'Ue e nella Nato. Questo scenario è sul tavolo?
**

Attualmente non stiamo discutendo questa opzione.

**Come funzionerebbe l'integrazione occidentale nel caso della Moldavia, che ha una regione secessionista filorussa al suo interno? Ovviamente, Vladimir Putin, che sta cercando di restaurare l'ex Unione Sovietica, cercherà di opporsi. Qual è il suo punto di vista?
**

Di nuovo, penso che questa sia una domanda ipotetica. Attualmente stiamo lavorando all'interno dei formati di negoziazione concordati e lavoreremo con tutti i partner internazionali, a seconda dell'evoluzione e dei cambiamenti delle circostanze per progettare il modo migliore e i migliori formati di negoziazione per continuare le discussioni sull'integrazione.

**Lei ha menzionato prima la neutralità del suo paese. Questo significa che qualsiasi adesione alla Nato è esclusa, giusto?
**

In effetti, questo principio di neutralità è sancito dalla Costituzione. Perseguiremo l'integrazione nell'Unione europea, ma non l'adesione alla Nato.