EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

In fuga dalla guerra, ma i neri possono attendere

frame
frame Diritti d'autore frame
Diritti d'autore frame
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Soldati ucraini hanno impedito ad un gruppo di studenti africani di salire sui treni per la Polonia. E c'è chi li accusa di razzismo

PUBBLICITÀ

Nemmeno scappare dall'Ucraina in fiamme, è facile. Specialmente per questi studenti africani, che alla stazione di Kiev, da dove speravano di partire per la Polonia, sono stati lasciati a terra, senza troppe spiegazioni.

Un trattamento fuori luogo e per molti apertamente razzista, che si aggiunge alle tante altre segnalazioni sull'uso immotivato della forza da parte dei soldati ucraini. Sul punto le testimonianze concordano:

"Non hanno saputo gestire la cosa. Non c'era bisogno di urlarci contro, o di usare l'elettricità per spaventarci. Non c'era motivo di farlo. Siamo persone, possiamo capire".

Secondo le cifre dell'Alto Commissariato dell'ONU per i rifugiati, almeno 700.000 persone sono scappate dell'Ucrania nei primi cinque giorni di guerra. Più della metà sono entrate in Polonia. Il resto è stato accolto da Ungheria, Slovacchia, Moldavia e Romania.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni europee: Tusk invita i polacchi a votare, "Ue unico modo per evitare la guerra"

Polonia: il progetto di coalizione conservatrice Ppe-Ecr sulla strada del fallimento

Polonia, Tusk: "Arrestati dodici sabotatori controllati dalla Russia"