This content is not available in your region

Tensioni e sanzioni, il rebus dell'Ucraina: fino a dove arriverà Putin?

Access to the comments Commenti
Di Cristiano Tassinari  & Euronews World
euronews_icons_loading
Mappa geopolitica della situazione in Ucraina.
Mappa geopolitica della situazione in Ucraina.   -   Diritti d'autore  Euronews Graphics

Tutto può accadere, in questo rebus geopolitico.

E i riservisti dell'Ucraina sono pronti.
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky li ha richiamati in servizio, dopo il riconoscimento da parte della Russia delle autoproclamate repubbliche di Donetsk e Lugansk, nel Donbass (nome che deriva dalla contrazione di Donetsky Bassein, bacino minerario situato lungo il corso meridionale del fiume Donetsk).

➡️ Per saperne di più: perchè la Russia è già in Ucraina

Tuttavia Zelensky ha escluso, almeno per ora, una mobilitazione militare generale e afferma di credere ancora in una soluzione diplomatica della crisi ucraina.

La determinazione di Zelensky

"Gli ucraini sono un popolo pacifico, vogliamo il silenzio... Ma se stiamo in silenzio oggi, domani scompariremo!", ha dichiarato Zelensky.

Screengrab by AP video
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky.Screengrab by AP video

Gli alleati dell'Ucraina, tra cui Giappone, Unione europea, Regno Unito e Stati Uniti, hanno annunciato pesanti sanzioni economiche contro la Russia.

➡️ Per saperne di più: 5 punti per sipiegare la relazione tra Nord Stream 2 e Ucraina

Le contromosse di Biden

Dichiara il presidente americano Joe Biden:
"Mentre la Russia pensa alla sua prossima mossa, anche noi abbiamo preparato le nostre prossime contromosse. La Russia pagherà un prezzo ancora più alto, se continua la sua aggressione, comprese ulteriori sanzioni. Gli Stati Uniti continueranno a fornire assistenza difensiva all'Ucraina e continueremo a rafforzare e rassicurare i nostri alleati della Nato".

Screengrab by AP video
Il presidente americano Joe Biden.Screengrab by AP video

La strategia misteriosa di Putin

Per l'Occidente resta un rebus capire quanto lontano il presidente russo Vladimir Putin intenda spingersi, dopo il suo riconoscimento delle regioni filo-russe del Donbass, in Ucraina orientale, controllate dai separatisti.
Il timore è che voglia espandersi anche in altre zone dell'Ucraina.

Il riconoscimento da parte di Putin delle repubbliche di Donetsk e Lugansk è stato generalmente accolto con entusiasmo a Mosca. E non soltanto alla Duma, il Parlamento. In particolare, commenti largamente favorevoli anche dalla stampa moscovita. Ma non poteva che essere così...

"Abbiamo riconosciuto le repubbliche, il che significa che abbiamo riconosciuto tutti i loro documenti di base, compresa la Costituzione.
E la Costituzione definisce i confini delle regioni di Donetsk e Lugansk al tempo in cui facevano parte dell'Ucraina".
Vladimir Putin
69 anni, presidente della Russia
Screengrab by AP video
Vladimir Putin, presidente della Federazione Russa.Screengrab by AP video

Le sanzioni dell'Unione europea e del Regno Unito

Per l'Unione europea, la Russia è sola responsabile di questa crisi, annunciando le proprie sanzioni nei confronti del Cremlino.

Spiega Ursula von der Leyen, presidente della Commissione europea:
"Le sanzioni sono rivolte alle banche che finanziano l'apparato militare russo e contribuiscono alla destabilizzazione dell'Ucraina. E stiamo anche vietando il commercio tra le due regioni secessioniste e l'Unione europea".

Johanna Geron/AP
Ursula von der Leyen volta le spalle a Mosca.Johanna Geron/AP

Lo stesso Biden ha vietato, con un ordine esecutivo della Casa Bianca, ogni investimento americano nei territori del Donbass.

Anche il Regno Unito ha bloccato i beni di diverse banche e oligarchi russi presenti sul territorio britannico.