Mafia: aperta in questura a Palermo la mostra "Il Branco"

Del maestro Vitali, iniziativa Polizia e Fondazione Falcone
Del maestro Vitali, iniziativa Polizia e Fondazione Falcone
Di ANSA
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.com per un periodo limitato.

(ANSA) - PALERMO, 17 DIC - Sono 53 le statue dei cani che costituiscono l'opera complessiva "Il Branco" dello scultore Velasco Vitali. L'installazione che è' stata inaugurata oggi alla questura di Palermo, fa parte del progetto culturale, Spazi Capaci, voluto dalla Fondazione Falcone, che mira "a coinvolgere la società civile sui temi della partecipazione e della tutela della legalità a cura di Alessandro De Lisi", affermano i promotori dell'iniziativa. Il progetto di attività culturali e di design sociale "vuole dare simbolicamente avvio al periodo di manifestazioni e installazioni di arte contemporanea in vista del prossimo XXX anniversario delle stragi mafiose di Palermo del 1992. In tale contesto, la Polizia di Stato e la Fondazione Falcone hanno avviato un percorso congiunto di legalità per dedicare alla memoria di tutte le vittime di Cosa Nostra e delle mafie l'inizio del programma culturale che accompagnerà la riflessione pubblica della comunità civile fino alla prossima estate e oltre", afferma una nota. Le opere che raffigurano cani, realizzati con materiali dell'edilizia abusiva, ad opera di Velasco Vitali "sono capaci di mutare significato, incrociando le storie dei luoghi dove la comunità ha sconfitto le mafie: da branco randagio, via via si faranno custodi a guardia della memoria di una città che ha sofferto e ha saputo rialzarsi", prosegue la nota. All'evento hanno partecipato in video collegamento il Capo della Polizia Lamberto Giannini, il Ministro dell'Istruzione Patrizio Bianchi ed il Ministro dell'Interno Luciana Lamorgese. Presenti il questore della provincia di Palermo, Leopoldo Laricchia, la professoressa Maria Falcone, e Alessandro De Lisi, curatore della mostra. La fondazione Falcone e la polizia hanno concepito questo evento come una partenza alle celebrazioni del trentennale delle Stragi. La mostra è aperta al pubblico. (ANSA).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Alta tensione tra Moldova e Transnistria, Tiraspol chiede l'intervento russo per i dazi

La Germania media per la pace tra Azerbaigian e Armenia

Guerra in Ucraina, Zelensky al vertice in Albania chiede più munizioni