This content is not available in your region

Piaggio: protesta precarie su tetto,'notte al freddo è dura'

Access to the comments Commenti
Di ANSA
'Contratti a termine da 15 anni, ora vogliamo l'assunzione'
'Contratti a termine da 15 anni, ora vogliamo l'assunzione'

(ANSA) – PONTEDERA (PISA), 24 NOV – “E’ stata una nottata
difficoltosa. Non è facile dormire con questo freddo in tenda e
per giunta su un tetto in pendenza. Per fortuna questa mattina
ci hanno mandato la colazione”. Lo racconta Alessandra, una
delle contrattiste a termine della Piaggio di Pontedera (Pisa)
che da ieri occupano il tetto del Polo Sant’Anna Valdera. Con
altre compagne di lotta ha trascorso la notte sul tetto dello
stabile dell’istituto di Biorobotica che fronteggia l’azienda
delle due ruote. Protestano perché i loro contratti a termine
sono in scadenza. Sul tetto hanno dormito in sei, tre uomini e
tre donne, tutti nella stessa condizione lavorativa di
contrattisti a termine. “Resteremo qua sopra fino a quando non
riceveremo risposte da Piaggio”, tuona ancora Alessandra. Le
lavoratrici chiedono, dopo 15 anni di precariato, l’assunzione.
La Digos vigila sulla protesta. Controllata la borsa con le
colazioni. Già nel marzo 2020 avevano occupato, per oltre un
mese, il tetto di Palazzo Blu. Protesta che fu poi interrotta a
causa del Covid. “Incontreremo presto Valerio Fabiani, il consigliere
politico del governatore Giani che si occupa di lavoro e crisi
aziendali ma abbiamo chiesto udienza anche al nuovo prefetto di
Pisa, Maria Luisa D’Alessandro per farle conoscere la nostra
situazione”. Dal tetto del Polo Sant’Anna Valdera le
contrattiste a termine di Piaggio vanno avanti nella loro
protesta e chiedono aiuto alle istituzioni in una conferenza
stampa. “Abbiamo già avuto un contatto telefonico con il sindaco
di Pontedera, Matteo Franconi – spiega Alessandra, una portavoce
- vogliamo aiuto per parlare con Piaggio altrimenti resteremo
qua finché sarà necessario”. A supportare l’azione dei sei
precari da più di 24 ore sul tetto del Polo Sant’Anna c‘è
l’Unione Sindacale di Base: “Chiediamo che gli impegni presi da
Piaggio al tavolo ministeriale e a quello regionale vengano
rispettati – spiega Simone Selmi, delegato Usb Piaggio – Queste
donne hanno oltre 40 anni e adesso iniziano ad avere problemi
economici, per noi dovrebbero rientrare nelle 50 assunzioni a
tempo indeterminato annunciate in questi giorni dall’azienda
oppure nei contratti a termine attraverso una deroga al Decreto
Dignità”. (ANSA).

euronews pubblica le notizie d'ansa ma non interviene sui contenuti degli articoli messi in rete. Gli articoli sono disponibili su euronews.net per un periodo limitato.