ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Nagorno-Karabakh: lo scontro tra Armenia e Azerbaigian si sposta in tribunale

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
Nagorno-Karabakh: lo scontro tra Armenia e Azerbaigian si sposta in tribunale
Diritti d'autore  NLICJ
Dimensioni di testo Aa Aa

Il conflitto tra Armenia e Azerbaigian si sposta nelle aule del tribunale internazionale dell'Aja. Questo giovedì l'Armenia ha accusato Baku di alimentare l'odio etnico e ha chiesto alla corte di obbligare l'Azerbaigian a liberare tutti i prigioneri catturati un anno fa durante il conflitto nella regione separatista del Nagorno-Karabakh.

Per il rappresentante armeno a L'Aia, Yeghishe Kirakosyan, "l'odio etnico che le autorità dell'Azerbaigian vomitano quasi quotidianamente è così pervasivo che quasi tutta la società azera ne è colpita. Generazioni su generazioni sono indottrinate con questa cultura della paura e dell'odio verso tutto ciò che è armeno".

Il vice ministro degli esteri dell'Azerbaigian, Elnur Mammadov, ha accusato a sua volta l'Armenia di attuare una puliza etnica nella regione e ha chiesto alla Corte di respingere le richieste di Erevan: "Muovendosi per liberare i suoi territori dall'occupazione illegale dell'Armenia, l'Azerbaigian ha agito, o meglio ha reagito, non per animosità etnica, ma in risposta all'uso palese e illegale della forza contro il suo popolo sul suo territorio sovrano", ha detto Mammadov.

Sono più di 6.500 le persone morte durante il conflitto dello scorso anno nel Nagorno-Karabakh, durato poco più di un mese. La regione si trova nel territorio dell'Azerbaigian, ma è controllata da forze di etnia armena, sostenute dal governo di Erevan, dalla fine della guerra separatista nel 1994.