ULTIM'ORA
This content is not available in your region

La crisi dell'Afghanistan causerà un afflusso di rifugiati in Europa?

Access to the comments Commenti
Di Sandrine Amiel
Soldati pakistani di guardia al confine con l'Afghanistan
Soldati pakistani di guardia al confine con l'Afghanistan   -   Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

Quando lo scorso aprile l'esperto di politica estera Kemal Kirişci ha avvertito che "un esodo di massa di rifugiati in fuga dall'Afghanistan potrebbe scatenare un'altra crisi migratoria", la sua ricerca ha ricevuto poca attenzione. Ora, mentre i talebani completano una rapida acquisizione del paese dopo la decisione degli Stati Uniti e della NATO di ritirarsi, le sue previsioni potrebbero aver già iniziato a materializzarsi.

Secondo una stima dell'agenzia delle Nazioni Unite per i rifugiati (UNHCR) 400.000 persone nel paese sono state costrette a fuggire dalle loro case dall'inizio dell'anno. Le organizzazioni di soccorso hanno lanciato l'allarme su quello che potrebbe essere solo l'inizio di una crisi umanitaria molto più grande, con conseguenze devastanti per gli afgani.

L'Unione Europea è ancora segnata dalla crisi migratoria del 2015-16, che ha visto centinaia di migliaia di arrivi dalla Siria. L'episodio ha scatenato intense dispute all'interno del blocco di 27 nazioni sulla ripartizione dei migranti, con i partiti populisti in alcune parti d'Europa che hanno cavalcato il sentimento anti-immigrazione.

Anhce Angela Merkel, che nel 2015 ha accolto in massa i rifugiati siriani in Germania con il suo famoso motto "Possiamo farlo", ha cambiato tono. La cancelliera ha affrontato la questione dei rifugiati afgani in una conferenza stampa il mese scorso, dicendo che "non possiamo risolvere il problema accogliendo tutti".

"L'Austria e la Germania non possono risolvere il problema dell'Afghanistan per l'UE", ha detto ai giornalisti il ministro degli interni austriaco Nehammer, lamentando un'impennata dell'immigrazione irregolare quest'anno.

Il mese scorso le autorità turche hanno detto che stavano monitorando da vicino qualsiasi afflusso di migranti afgani e di averne già bloccati, dall'inizio dell'anno, più di 27.000 che hanno provato ad entrare nel paese attraverso il confine con l'Iran. Il confine iraniano-turco è stato a lungo una rotta di contrabbando popolare per i migranti afgani che cercano di entrare in Turchia prima di continuare il loro viaggio verso l'Europa.

Alla rotta turca si è aggiunta di recente quella che passa dalle repubbliche baltiche. La Lituania sostiene che i rifugiati afgani hanno iniziato ad arrivare nel paese attraverso la Bielorussia. Vilnius ha accusato Minsk di organizzare passaggi di frontiera illeciti come parte di una "guerra ibrida" contro l'UE.

Gli ingredienti per una nuova grande crisi dei rifugiati sembrano essere sul tavolo, ma stando a diversi esperti sentiti da Euronews gli sforzi dell'Europa per scoraggiare un'ipotetica ondata di migranti afgani sono fuori luogo.

L'Europa sta già vedendo un afflusso di migranti afgani?

I numeri mostrano che non c'è stato finora un afflusso massiccio di migranti afgani in Europa negli ultimi mesi. Stando a un portavoce della Commissione europea, interpellato da Euronews, nella prima metà del 2021 sono stati segnalati alle frontiere esterne dell'UE circa 3.200 attraversamenti irregolari da parte di cittadini afgani.

"Questo numero rappresenta una diminuzione del 41% rispetto all'anno precedente", ha aggiunto il portavoce della Commissione, notando che "le restrizioni di frontiera e di viaggio legate alla pandemia di coronavirus hanno avuto un impatto sulle cifre dell'anno scorso".

Gerald Knaus, presidente e fondatore del centro studi European Stability Initiative (ESI), ha sottolineato che è "molto probabile" che un gran numero di afgani avrà bisogno dello status di rifugiato nei prossimi mesi, ma ciò non significa che "le persone raggiungeranno l'Europa".

"Per raggiungere l'Europa, è necessario attraversare un sacco di frontiere che sono molto più difficili da attraversare oggi rispetto a qualche anno fa", ha proseguito l'esperto di migrazione, indicando le presunte politiche greche di respingimento ai suoi confini terrestri e marittimi (che Atene nega).

Negli ultimi anni, l'UE ha investito risorse significative per rafforzare le sue frontiere esterne e scoraggiare i migranti. Nel 2016, il blocco ha accettato di pagare alla Turchia 6 miliardi di euro per evitare che i richiedenti asilo siriani varchino il confine con la Grecia.

"Alla prova dei fatti - dice Knaus - non vediamo ancora un gran numero di afghani arrivare in Turchia e certamente non in Europa. E non è chiaro quanti potranno lasciare l'Afghanistan, il Pakistan sostiene di poter proteggere il confine".

"Nel 2015, in sei mesi più di 500.000 persone sono arrivate spontaneamente dalla Turchia alla Grecia. I Negli ultimi sei mesi il numero totale di persone arrivate al confine tra Turchia e Grecia - non solo gli afgani, tutte le nazionalità - è stato di circa 4.000. Quindi è 125 volte meno". I numeri sono ancora più bassi per la rotta che passa dalla Bielorussia. "Sono stati circa 3.000 finora", ha detto Knaus. Di questi 3.000, la maggior parte erano iracheni.

"C'è un'isteria ingiustificata - continua Knaus -. La realtà è che pochissime persone attraversano le frontiere. Questa è paura e populismo. La vera crisi è un'altra: alle nostre frontiere stiamo violando le leggi dell'UE e in Afghanistan un sacco di gente ha bisogno di protezione. Queste sono persone con cui e per cui abbiamo combattuto, per ricostruire il paese per 20 anni, e le abbiamo abbandonate".

Kirişci, senior fellow presso il think-tank Brookings, sostiene che un gran numero di afghani "continua a fluire in Turchia attraverso l'Iran", citando i dati dell'UNHCR. Ma entrambi gli esperti sono d'accordo su una cosa: sarà estremamente difficile per i migranti afgani entrare nell'UE.

"Ci sarà una massiccia crisi umanitaria al confine tra Grecia e Turchia - dice Kirişci a Euronews - il tipo di crisi che danneggerà la reputazione dell'Unione europea a livello internazionale, poiché il mondo vedrà come l'Unione europea resiste all'ingresso dei rifugiati nell'area Schengen".

Come ha risposto l'Europa finora?

Gli Stati Uniti hanno annunciato la scorsa settimana che stavano espandendo il loro programma di rifugiati per gli afghani a rischio. Tra gli ammissibili saranno inclusi gli attuali ed ex dipendenti del governo degli Stati Uniti e della NATO, i media con sede negli Stati Uniti, le agenzie di aiuto e altri gruppi di soccorso che ricevono finanziamenti dagli Stati Uniti.

Knaus ha detto che gli europei dovrebbero pensare a un programma simile, "dando almeno la possibilità di entrare in Europa a coloro che hanno riposto la loro fiducia nel lavorare con le nostre istituzioni negli ultimi 20 anni e che potrebbero essere a rischio reale".

La Danimarca è diventata il primo paese dell'UE ad offrire un permesso di soggiorno di due anni agli afgani che hanno lavorato per il governo danese in Afghanistan. C'è poi la questione degli afgani già in Europa che hanno avuto le loro domande d'asilo respinte e affrontano la deportazione. La settimana scorsa, Francia, Germania e Paesi Bassi hanno fatto retromarcia e si sono unite agli altri paesi europei, annunciando la sospensione dei rimpatri forzati.

Quali sono le opzioni per affrontare la crisi?

"Ci sono molte persone che potrebbero essere a serio rischio di persecuzione in Afghanistan e che non troveranno protezione a meno che la politica occidentale non trovi un modo per farle partire regolarmente", ha detto Knaus a Euronews.

Sia Kirişci che Knaus hanno detto a Euronews che l'UE e le altre nazioni occidentali dovrebbero rispondere alla crisi con un ampio programma di reinsediamento, simile a quello attuato con i vietnamiti a cavallo tra gli anni '70 e '80.

"In quel caso c'era una coalizione di paesi che avevano combattuto in Vietnam e che erano scioccati dalla catastrofe umanitaria delle persone che partivano su barche verso la Malesia, l'Indonesia, la Thailandia e le Filippine e che hanno detto: porteremo le persone nei nostri paesi attraverso il reinsediamento in modo ordinato".

Il programma statunitense annunciato la settimana scorsa non si spinge così lontano, poiché i richiedenti devono lasciare l'Afghanistan senza alcun supporto per iniziare il processo di assegnazione che può richiedere 12-14 mesi in un paese terzo. La Commissione europea ha detto a Euronews che ha sostenuto "fortemente" il reinsediamento, anche "attraverso la fornitura di fondi UE. Dal 2015, i programmi di reinsediamento dell'UE hanno fornito protezione ai rifugiati più vulnerabili (più di 81.000 reinsediamenti finora)".

Il mese scorso, il blocco dei 27 ha lanciato un forum di reinsediamento per mobilitare finanziamenti per il reinsediamento di 30.000 rifugiati entro la fine del 2022. Ma, come nota la Commissione europea, "il reinsediamento è uno sforzo volontario degli Stati membri; la decisione di impegnarsi nel reinsediamento e le decisioni individuali di ammissione spettano agli Stati membri."

"Penso che sarebbe sbagliato farne una questione europea. I 27 non troveranno l'accordo su nulla, è chiaro. La questione rigudarda soprattutto per Francia, Germania, Spagna, Italia e i singoli paesi che hanno combattuto in Afghanistan", ha detto Knaus.

Cosa significa questo per le relazioni UE-Turchia?

Mentre l'Europa è preoccupata per una nuova crisi di rifugiati dall'Afghanistan, la sua spinosa partnership con Ankara sulle questioni migratorie rischia di finire di nuovo sotto i riflettori. Spesso quando l'UE ha un diverbio con Ankara, il presidente Recep Tayyip Erdogan minaccia di smettere di impedire ai rifugiati di dirigersi in Europa.

Domenica, Erdogan ha detto che la Turchia lavorerà con il Pakistan per stabilizzare la situazione in Afghanistan e prevenire un afflusso di migranti. Kirişci ha previsto che, poiché le forze di sicurezza greche cercheranno di impedire ai migranti afgani di entrare dalla Turchia, ci potrebbe essere una grande "crisi umanitaria e forse politica tra Turchia e Grecia".

Secondo lui, Erdogan potrebbe cercare di usare la crisi per "scopi interni per mostrare come la gloriosa Unione europea non sia all'altezza dei suoi standard e come la Turchia riceva a braccia aperte persone vulnerabili, specialmente dagli stati musulmani".

Tuttavia, ha notato, "una delle conseguenze dell'arrivo di questi rifugiati afgani in Turchia è che ha rivelato il crescente risentimento della popolazione locale verso i rifugiati. Il fatto che l'economia turca stia andando di male in peggio sta esacerbando questi sentimenti nell'opinione pubblica".

Non è ancora chiaro, aggiunge Knaus, se Erdogan cercherà di "contrattare" con l'UE come fece nel 2015-16. Ma l'UE sembra pronta a mantenere il flusso di denaro. "L'UE continuerà a sostenere i suoi partner che proteggono i rifugiati e le persone che hanno bisogno di protezione internazionale e a sostenere i paesi ospitanti", ha detto il portavoce della Commissione europea.