Ungheria, la ripresa del turismo grazie al basso numero di infezioni Covid

Ungheria, la ripresa del turismo grazie al basso numero di infezioni Covid
Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il rilancio dell'industria dell'accoglienza in Ungheria. A Budapest, nel mese di giugno, i visitatori stranieri hanno sestuplicato le notti in hotel e altri alloggi

PUBBLICITÀ

Basso numero di infezioni, meno di 75 casi Covid per 100.000 abitanti, quasi nessuna restrizione e panorami suggestivi.
Sono i fattori alla base del rilancio dell'industria dell'accoglienza in Ungheria.

A favorire la ripresa anche la campagna di vaccinazione. Sulla base dei dati forniti dall'ECDC, il Centro europeo per la prevenzione e il controllo delle malattie, il tasso medio di persone completamente vaccinate per Paese, inserito nella lista verde dei 'virtuosi', è di circa il 50 percento, con l'Ungheria al primo posto (64,8 per cento), seguita da Austria (63,1 per cento), Germania (62,6 per cento), Repubblica Ceca (55,6 per cento) e così via.

I dati ufficiali sul turismo, resi pubblici dal governo, rivelano che nel mese di giugno i visitatori stranieri hanno sestuplicato le notti in hotel e altri alloggi di Budapest, rispetto allo stesso periodo dell'anno scorso.

Il quartiere del castello, praticamente deserto nel 2020, è ora quasi tornato alla normalità, ospitando di nuovo turisti da ogni angolo del mondo.

Ma nonostante l'ottima performance, l'industria del turismo a Budapest è ancora in calo del 20% rispetto al 2019.

Secondo Csaba Faix, CEO, Budapest Brand, le difficoltà sono legate alle "regole che definiscono chi può viaggiare e in che modo: quelle regole sono state decise e comunicate tardi. Così come il passaporto EU Covid, che ha reso possibile spostarsi e poi tornare a casa. Ma Budapest ha così tante attrazioni e cose eccitanti da scoprire che, nonostante queste circostanze complicate, i turisti hanno iniziato a venire".

Una boccata d'ossigeno considerato che con la crisi Covid molti operatori turistici ungheresi e numerosi lavoratori dell'indotto - dagli eventi alla ristorazione, su tutti - hanno perso il lavoro nell'ultimo anno e mezzo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Covid, Ungheria: 9000 biglietti gratuiti per universitari "volontari"

Germania e Ungheria corrono per vaccinare anche i giovani

Orban apre la campagna elettorale di Fidesz: "In Ucraina Bruxelles gioca col fuoco"