ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Riforma Cartabia: accordo in Cdm

Access to the comments Commenti
Di Euronews
euronews_icons_loading
La Ministra della giustizia Marta Cartabia con il premier Mario Draghi
La Ministra della giustizia Marta Cartabia con il premier Mario Draghi   -   Diritti d'autore  ROBERTO MONALDO/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Conte: "Non è la nostra riforma, ma l'abbiamo migliorata"

Il pressing di Mario Draghi spiana la strada alla riforma Cartabia del processo penale. Superate le perplessità del Movimento 5 Stelle, in Consiglio dei Ministri matura il compromesso che mette d'accordo tutti. "Non è la nostra riforma, ma abbiamo contribuito a migliorarla", il commento di Giuseppe Conte: "Abbiamo detto che non si può transigere sui processi di mafia e terrorismo e lo abbiamo ottenuto".

AFP
Il leader del Movimento 5 Stelle, Giuseppe ConteAFP

Tempi più lunghi per l'aggravante, nessun limite per l'associazione mafiosa

Due i principali perni attorno a cui ruota l'accordo, approvato all'unanimità. Nella fase transitoria di entrata in vigore della nuova prescrizione, fino al 2024, allungamento dei tempi fino a sei anni in appello per i processi per reati con l'aggravante mafiosa, che poi scenderanno a 5. Nessun limite di tempo, invece, per quelli per reati di associazione di stampo mafioso e voto di scambio politico-mafioso, relativi agli articoli 416-bis e ter.

Cartabia: "Coniugati tempi ragionevoli e garanzia che nessun processo vada in fumo"

"Giornata importante - il commento della Ministra della giustizia, Marta Cartabia -. Abbiamo apportato degli aggiustamenti, ma l'obiettivo resta coniugare tempi ragionevoli e garanzia che nessun processo vada in fumo".

Soddisfatto Salvini: "Ottenuti gli obiettivi della Lega"

Centrati, dice Salvini, gli obiettivi della Lega: "Non volevamo che andassero in fumo i processi di mafia e terrorismo e così è stato". Soddisfazione anche da parte di Enrico Letta: "Una riforma che ci avvicina all'Europa - ha detto -. Un giusto equilibrio per superare quella precedente, senza scadere nell'immunità". Domenica la calendarizzazione in Aula. Alle 14 il voto della pregiudiziali, poi l'esame della riforma.