EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Castellamare di Stabia, arrestati 18 bracconieri del mare per disastro ambientale

Pesca di frodo
Pesca di frodo Diritti d'autore Guardia Costiera
Diritti d'autore Guardia Costiera
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Disastro ambientale, pesca di frodo, commercio di molluschi contaminati: sono alcuni dei reati contestati dalla Procura di Torre Annunziata. 18 arresti

PUBBLICITÀ

Non si fermavano davanti a niente: frantumavano meccanicamente, con martelli a doppia punta, le rocce in cui si trovavano i datteri di mare; commerciavano vongole veraci, contaminate batteriologicamente e chimicamente, raccolte in uno specchio di mare inquinato, vicino alla foce del fiume Sarno. 

Su ordine della Procura di Torre Annunziata, la Guardia Costiera ha arrestato 18 persone, appartenenti a una rete criminale, operativa lungo la costa di Napoli e la penisola sorrentina, e basata a Castellamare di Stabia. 

Il reato di associazione per delinquere, finalizzato alla commissione del reato di disastro ambientale, di danneggiamento aggravato, ricettazione e messa in commercio di prodotti pericolosi per la salute, è contestato con condotta perdurante, a cui si aggiunge l’aggravante ambientale. 

Le indagini hanno consentito di accertare e documentare il disastro all'ecosistema marino da parte dei bracconieri del mare, dal luglio 2016 al novembre 2020. 

I datteri di mare, la cui pesca è illegale in Italia dal 1998, sono venduti al mercato nero anche a 100 euro al chilo per un giro di affari quantificato in circa 100mila euro al mese.

Mandati d'arresto sono stati emessi per altre tre persone.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Capire Seaspiracy: i danni della pesca a strascico e della sovrapesca

Il prezzo della pesca ricreativa. Tra guadagni e regole per salvaguardare l'ecosistema

Giovanni Toti ai domiciliari: il presidente della Liguria è accusato di corruzione