ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Germania e Belgio piegati dalle inondazioni. Decine di morti e dispersi

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi Agenzie:  AFP
euronews_icons_loading
Case distrutte vicino al fiume Ahr a Schuld, Germania
Case distrutte vicino al fiume Ahr a Schuld, Germania   -   Diritti d'autore  Michael Probst/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Sono almeno 42 i morti e decine i dispersi nella parte occidentale della Germania, a causa delle forti piogge, che hanno provocato inondazioni, frane, interruzioni del traffico ferroviario e stradale, oltre al crollo di alcune case.

In Renania-Palatinato e Nordreno-Vestfalia, in particolare, fiumi e torrenti sono usciti dagli argini, travolgendo tutto ciò che hanno incontrato sul loro cammino.

"È più di una catastrofe", dice un uomo. "Sono vigile del fuoco da oltre cinquant'anni e non ho mai visto niente di simile". "Siamo corsi al piano superiore. È successo così in fretta che non potevamo fare niente, spostare qualcosa, era già troppo tardi", racconta una donna.

Anche in Belgio il maltempo sta mietendo vittime. La zona più colpita è quella della regione di Liegi, nell'est del Paese, dove si contano almeno 7 morti. Le autorità locali hanno addirittura chiesto a residenti e turisti presenti nella città vallone di andarsene se possibile, per paura che il fiume Mosa possa esondare.

"Sono arrabbiata con il comune", spiega una donna di Purgatoire. "Per la pulizia dei canali di scolo, i vigili del fuoco che non sono arrivati in tempo. Ci sono persone intrappolate nelle loro case laggiù. Non c'è stata neanche una barca che è andata a cercare gli anziani".

Le piogge non danno tregua neanche alla Svizzera. Resta massima fino a venerdì l'allerta legata alle piene, nel Basso Vallese, nel Giura settentrionale e nella Svizzera nordoccidentale. Sul lago di Lucerna è stata vietata la navigazione.