ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il caso Mila: arrivano le prime condanne per i cyberbulli

Access to the comments Commenti
Di Eloisa Covelli Agenzie:  Afp, Ap
euronews_icons_loading
Il caso Mila: arrivano le prime condanne per i cyberbulli
Diritti d'autore  AFPTV
Dimensioni di testo Aa Aa

Punirne qualcuno per educarne migliaia. Undici ragazzi (tra i 18 e i 29 anni) sono stati condannati in Franciaper cyberbullismo contro Mila, una ragazza all'epoca dei fatti minorenne, che ha subito migliaia di insulti e minacce di morte a seguito di due video contro l'Islam pubblicati sui social.

Minacce che l'hanno costretta a cambiare scuola e a vivere sotto protezione.

Quello che voglio è che restiamo tutti uniti... che non ci arrendiamo e continuiamo a combattere. Vorrei che le persone considerate pestilenziali fossero quelle che molestano, che ci privano della libertà di parola, che lanciano minacce di morte o spingono al suicidio. Vorrei che fossero banditi dai social network. E voglio che le vittime non si sentano mai in colpa.
Mila
vittima del cyberbullismo

Mila ha dalla sua parte tutte le istituzioni. Sia il presidente francese Macron che la ministra Schiappa si sono apertamente schierati con lei.

I condannati sono tutti incensurati, per questo le pene da 4 a 6 mesi di reclusione, sono sospese. Dovranno risarcire la vittima con 1500 euro a testa e dovranno pagare mille euro ciascuno per le spese legali.

Degli 11 ragazzi condannati, uno è stato autore di minacce di morte con una mail diretta, mentre gli altri dieci, che avevano inviato un solo messaggio su Twitter, sono stati condannati per molestie.

Alcuni degli imputati hanno detto di aver fatto "una sciocchezza" e di aver pubblicato il tweet "senza riflessione", "per rabbia".

Gli undici condannati sono praticamente gli unici ad aver usato il loro vero nome. La maggior parte dei cyberbulli hanno usato profili fake, quindi non sono rintracciabili. L'avvocato di Mila ha detto che la ragazza ha ricevuto 100mila messaggi di odio. "Pensavo di essere condannata a morte" ha detto Mila in tribunale.

I processi simbolici in cui si usa una persona per dare un messaggio al resto della società sono pericolosi.
Juan Branco
difensore di uno degli imputati

Il verdetto è stato il primo del suo genere da quando la Francia ha creato a gennaio un nuovo tribunale per perseguire i crimini online.

Non è l'unico procedimento in corso per cyberbullismo. I pm, per esempio, adesso stanno indagando sui post razzisti che hanno colpito il calciatore Kylian Mbappe per un suo errore agli Europei di calcio.