ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'omaggio internazionale a Raffaella Carrà, "in campo" anche a Wembley

Access to the comments Commenti
Di Cinzia Rizzi
euronews_icons_loading
Raffaella Carrà, la regina della televisione italiana
Raffaella Carrà, la regina della televisione italiana   -   Diritti d'autore  Virginia Farneti/Virginia Farneti
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel giorno dello scontro tra titani in semifinale degli Europei di calcio, i quotidiani italiani e spagnoli hanno voluto lanciare la sfida, con un omaggio alla regina della televisione, Raffaella Carrà, scomparsa questo lunedì.

La federcalcio italiana ha anche convinto la Uefa a inserire nella playlist usata per il riscaldamento a Wembley una delle sue canzoni più famose e amate: "A far l'amore comincia tu".

Grande tifosa di calcio e della Juventus, la Raffa nazionale riceverà un ultimo saluto degno di una regina. Mercoledì alle 16 partirà dalla sua casa di Roma un corteo funebre, che attraverserà la capitale e farà tappa nei luoghi simbolo della sua carriera: l'Auditorium Rai del Foro Italico, via Teulada, il Teatro delle Vittorie e viale Mazzini, per concludersi in Campidoglio, dove verrà allestita la camera ardente, a partire dalle 18. Venerdì a mezzogiorno la funzione funebre alla chiesa di Santa Maria in Ara Coeli.

Canal 13 via AFP Photo
Diego Maradona e Raffaella Carrà, sul palco durante il programma della stella argentina "La Noche del 10", a Buenos Aires, nel 2005Canal 13 via AFP Photo

Raffaella Carrà si è spenta lunedì a 78 anni nella sua casa di Roma, dopo una devastante malattia, tenuta segreta fino all'ultimo, ma che se l'è portata via in pochissimi mesi. "Raffaella aveva una volontà ferrea che fino all'ultimo non l'ha mai abbandonata, facendo si che nulla trapelasse della sua profonda sofferenza. L'ennesimo gesto d'amore verso il suo pubblico e verso coloro che ne hanno condiviso l'affetto, affinche' il suo personale calvario non avesse a turbare il luminoso ricordo di lei", ha detto il suo ex compagno Sergio Japino, annunciandone la morte.