ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Il Vjosa, un paradiso minacciato dalle dighe

euronews_icons_loading
Il Vjosa, un paradiso minacciato dalle dighe
Diritti d'autore  يورونيوز
Dimensioni di testo Aa Aa

Il cuore blu dell'Europa

È considerato l'ultimo grande fiume selvaggio d'Europa. Il Vjosa scorre per 270 chilometri dalla Grecia attraverso l'Albania fino al mare Adriatico, nel canale di Otranto, vicino a Valona. Una zona incontaminata che ospita oltre 1.000 di specie che vivono lungo il fiume. Ora questo paradiso dalla straordinaria biodiversità è in pericolo: a minacciarla è un progetto di dighe idroelettriche che attivisti, ambientalisti e cittadini comuni stanno lottando perché non siano costruite.

Anche gli studiosi sono in allarme. "I fiumi sono corridoi per le migrazioni - spiega il Professor Aleko Miho del dipartimento di biologia dell'Università di Tirana. - Limitando il flusso di un fiume con una diga, il corridoio non esiste più. Gli habitat, le specie, tutte le risorse andrebbero perse". E chi vive lungo il fiume non è necessariamente convinto di volerlo fare, nonostante i risarcimenti promessi dal governo: "Non vogliamo vedere il Vjosa rovinato. Non vogliamo le dighe! Non vogliamo vedere le nostre terre distrutte!", insiste una cittadina albanese.

Il minidocumentario "Vjosa Forever" del marchio sportivo Patagonia

Un'occasione di proteggere la biodiversità

Da una decina di anni una campagna internazionale chiedere che sia istituito il Parco nazionale del fiume Vjosa, che fermerebbe la costruzione delle dighe. Per la dottoressa Kathy MacKinnon, presidente della Commissione sulle aree protette dell'Unione Mondiale per la Conservazione della Natura, "Abbiamo la rara opportunità di proteggere uno degli ultimi fiumi selvaggi. Sarebbe una risorsa per l'Europa, ma anche un contributo agli sforzi di conservazione globale".

Per tutta la durata della Green Week le nostre redazioni news e magazine esplorano storie e soluzioni da tutta l'Europa per un pianeta più verde.