ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Vaccinazione per i senza fissa dimora a Madrid

euronews_icons_loading
Rifugio San Isidro, Madrid
Rifugio San Isidro, Madrid   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Vanno meglio le cose nel maggiore rifugio per persone senza fissa dimora a Madrid: i suoi quasi 300 residenti stanno finalmente ricevendo il vaccino contro il COVID-19. La popolazione dei senzatetto della Spagna, conta circa 30.000 persone che erano state lasciate indietro nei programmi vaccinali. L'amministrazione ha messo in atto un piano su misura per assicurarsi che tutti ricevano il vaccino.

Il problema dei senza fissa dimora

I senzatetto sono stati uno dei gruppi più esposti al virus, con accesso limitato alle maschere facciali e all'igiene. Vaccinarli ha posto molte sfide alle autorità sanitarie. Il vaccino Johnson & Johnson che si applica in dose unica ha semplificato le cose. "È un grande progresso, perché il rischio di non essere in grado di localizzare la persona per una seconda dose è abbastanza grande con i senzatetto": spiega Maribel Del Castillo che dirige il Rifugio San Isidro.

La Spagna ha immunizzato il 20% della sua popolazione. Quasi il 90% delle persone sopra i 60 anni ha assunto almeno una dose. Per farli accedere alle vaccinazioni le ONG hanno chiesto che i senza fissa dimora vengano considerati gruppo particolarmente vulnerabile.

La necessità di vaccinare tutti

Curare i senzatetto è essenziale, per quanto riguarda la sanità pubblica, e anche perché questa popolazione ha maggiori probabilità di soffrire di morbilità più elevata della media nazionale. E inoltre è un loro diritto. Dice la vicepresidente della società spagnola che si occupa delle comunità Maria Fernandez. È un passo importante per rendere il vaccino disponibile a tutti i cittadini in Spagna. Ma il lavoro va completato. I servizi sociali del Comune di Madrid hanno iniziato a vaccinare i 1.600 senzatetto che vivono nei rifugi; coloro che vivono ancora per strada dovranno aspettare altre due settimane conclude il corrispondente di Euronews Jaime Velazquez.