ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Moldova: la presidente scioglie il parlamento

euronews_icons_loading
Moldova: la presidente scioglie il parlamento
Diritti d'autore  /afp
Dimensioni di testo Aa Aa

La presidente della Moldova, la pro-europea Maia Sandu, ha sciolto il Parlamento e ha convocato elezioni legislative anticipate per l'11 luglio, come annunciato in un'apparizione televisiva. Si conclude così una lotta fra la presidenza della repubblica e l'assemblea legislativa.

Sandu, entrata in carica come presidente lo scorso dicembre per sostituire il politico filo-russo Igor Dodon, ha preso questa decisione pochi minuti dopo che la Corte suprema (TC) ha dichiarato incostituzionale lo stato di emergenza nel Paese.

Il Parlamento aveva adottato una risoluzione alla fine di marzo per stabilire uno stato di emergenza tra il 1 aprile e il 30 maggio, formalmente per combattere la pandemia di coronavirus.

Durante lo stato di emergenza, il Parlamento non può essere sciolto, dove il partito socialista di Dodon ha la maggioranza insieme alla formazione populista Shor e Pro Moldova, che si sono opposte categoricamente allo scioglimento dell'Assemblea legislativa a causa della pandemia.

Sandu, il cui Partito di Azione e Solidarietà (PAS) è in minoranza nell'Assemblea Legislativa con 15 seggi su un totale di 101, ha voluto sciogliere il Parlamento dall'inizio per poter avere il controllo dell'emiciclo e della formazione del governo.

Secondo alcuni sondaggi, otterrebbe la maggioranza assoluta, il che renderebbe più facile far passare misure e leggi nel parlamento moldavo.