ULTIM'ORA
This content is not available in your region

L'enorme impatto del Covid-19 sulla sicurezza e la salute dei lavoratori

Di Euronews
euronews_icons_loading
Foto d'archivio di un uomo in smart working
Foto d'archivio di un uomo in smart working   -   Diritti d'autore  Petr David Josek/Copyright 2017 The Associated Press. All rights reserved.
Dimensioni di testo Aa Aa

In quest'anno di pandemia, il nostro rapporto con il lavoro è cambiato notevolmente. Lo smart working è "esploso" come mai prima, isolando però sempre più gli impiegati, che si ritrovano soli, dietro ai loro schermi, nelle proprie case. Il rischio è che vita professionale e vita privata diventino una cosa sola.

Anche all'interno delle aziende, il rapporto con il lavoro ha subito un'evoluzione, sotto il peso dei vincoli sanitari, fattori di stress e malessere, e l'uso intensificato di videoconferenze e altri strumenti digitali. In occasione della giornata mondiale per la sicurezza e la salute sul lavoro, questo mercoledì, il direttore dell'Organizzazione Internazionale del Lavoro (ILO) lancia l'allarme.

"L'impatto del Covid-19 sulla sicurezza e la salute dei lavoratori è stato enorme", spiega Guy Ryder. "Per tutti i lavoratori, la minaccia posta dal Covid è andata oltre il virus stesso: abbiamo visto un aumento dello stress sul posto di lavoro, della violenza e delle molestie. Alcune delle misure per controllare la pandemia hanno creato nuovi rischi. C'è stato un aumento dei problemi di salute mentale e psicosociali, dei rischi ergonomici e di disoccupazione e dei ritardi nel trattamento di altri gravi problemi di salute".

L'ILO, che mercoledì ha convocato un panel di leader, chiede ai Paesi di investire nei sistemi di sicurezza e salute sul lavoro per prepararsi al futuro, mentre l'uso dello smart working può continuare in molte industrie. La sfida per il mondo del lavoro è anche quella di farsi trovare pronti per rispondere a eventuali crisi future.