EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Elezioni in Bulgaria, exit poll: in testa i Conservatori del premier Borissov

Elezioni in Bulgaria, exit poll: in testa i Conservatori del premier Borissov
Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il partito dello showman Slavi Trifonov a sorpresa supererebbe di poco i Socialisti per la seconda piazza

PUBBLICITÀ

Il partito Gerb, del premier conservatore Boyko Borissov, guida le elezioni legislative in Bulgaria, secondo gli exit poll parziali, pubblicati alla chiusura dei seggi elettorali.

Al potere dal 2009, è accreditato del 25,7% dei voti, sette punti in meno rispetto alle elezioni di quattro anni fa.

Al secondo posto, a sorpresa, non ci sarebbero i Socialisti, capeggiati da Kornelia Ninova, che raccoglierebbero il 16,7% ma, dopo un entusiasmante testa a testa, sarebbero superati dal nuovo partito, denominato "C'è un popolo come questo".

Quest'ultimo, che fa capo allo showman televisivo Slavi Trifonov, guadagnerebbe infatti il 17,1% dei voti, forte del messaggio populista contro la corruzione e le élite.

from AFP video
Screengrabfrom AFP video

a seguire, il partito di destra "Bulgaria democratica", che supera il 10%, tallonato dal partito della minoranza turca Dps.

Entrerebbero in Parlamento anche la coalizione indipendente "In piedi" ed il partito nazionalista Vmro.

Gli exit poll indicano inoltre un'affluenza alle urne oscillante tra il 40 e il 45% degli elettori.

Ad ogni modo, Borissov non raggiungerà la maggioranza e sarà dunque costretto ad alleanze per formare un Governo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Bulgaria al voto: il partito del premier Borisov in testa, ma attenzione agli ex emigranti

Elezioni in 265 comuni in Bulgaria, affluenza al 40%. Probabile ballottaggio nella capitale Sofia

L'Europa che voglio: donne e parità di genere, cosa farei da europarlamentare