ULTIM'ORA
Advertising
This content is not available in your region

L'esercito guida la repressione antidemocratica in Myanmar

euronews_icons_loading
L'esercito guida la repressione antidemocratica in Myanmar
Diritti d'autore  AFP
Dimensioni di testo Aa Aa

La repressione militare in Myanmar cresce d'intensità a fronte di decine di migliaia di manifestanti quotidianamente in strada. Internet è stato bloccato ma il desiderio di libertà è contagioso.

I lavoratori dissidenti nel mirino della polizia

Canali televisivi hanno ripreso soldati che trascinavano a forza al lavoro impiegati di banca e operai delle ferrovie che hanno scelto la disobbedienza civile. Il controllo sociale è stato trasferito dalla polizia alle milizie dell'esercito dopo diverse defezioni di poliziotti, andati ad accrescere le schiere dei manifestanti.

Pronti a morire per non tornare alla dittatura

Per quanto spaventata dalla brutale repressione che potrebbe eliminarli in ogni momento la folla ha principalmente paura di un ritorno definitivo alla dittatura, spiega Tom Andrews, il relatore delle Nazioni Unite che si occupa di Myanmar.

Fuori i criminali comuni dentro i combattenti per la democrazia

Secondo diverse testimonianze i golpisti avrebbero svuotato le carceri dei prigionieri comuni per creare disordini nelle città così in tanti quartieri gruppi di volontari organizzano squadre di vigilanza per impedire le bravate dei criminali rilasciati.

Il ritardo per il processo a Aung San Suu Kyi

L’avvocato difensore di Aung San Suu Kyi ha fatto sapere che il processo contro di lei è stato rimandato. Dovrebbe tenersi il 17 febbraio. La leader del movimento democratico, è agli arresti domiciliari dal primo giorno del colpo di Stato.