EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Myanmar, arriva la condanna del colpo di Stato dal Consiglio Onu dei Diritti Umani

Myanmar, arriva la condanna del colpo di Stato dal Consiglio Onu dei Diritti Umani
Diritti d'autore Aung-Shine/AP
Diritti d'autore Aung-Shine/AP
Di Giulia Avataneo
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Soluzione di compromesso: l'organo di Ginevra non è andato al voto per aggirare il veto di Cina e Russia, che si sono dissociate verbalmente

PUBBLICITÀ

L'appello dei cittadini del Myanmar ha una risposta internazionale ufficiale. È una soluzione di compromesso, ma a quasi due settimane dal colpo di Stato arriva la risoluzione del Consiglio Onu dei Diritti Umani che deplora la destituzione del governo e chiede la scarcerazione dei detenuti, tra cui Aung San Suu Kyi. La mediazione sul testo non ha reso necessario il voto dei 47 Paesi membri; Cina e Russia si sono dissociate verbalmente dopo la decisione arrivata a Ginevra. 

Soluzione di compromesso

"Lo diciamo chiaramente - ha affermato Nada Al-Nashif, Alto Commissario Onu per i Diritti Umani - L'uso indiscriminato di armi, letali o meno, su manifestanti pacifici è inaccettabile. L'uso della violenza sui cittadini renderà ancor più illegittimo il colpo di stato e più colpevoli i suoi artefici".

Due settimane di proteste

Dal 1 febbraio, giorno in cui l'esercito ha arrestato i vertici politici del Paese e proclamato lo stato di emergenza, i cittadini di Myanmar scendono in piazza quasi tutti i giorni, nonostante il blocco dei mezzi di informazione e di internet, l'arresto arbitrario di almeno 350 persone e i proiettili di gomma sparati dai militari sui manifestanti.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

L'esercito guida la repressione antidemocratica in Myanmar

Myanmar: l'opposizione ancora in piazza contro i generali

Myanmar: liberi quasi 10mila prigionieri, rimane in carcere Aung San Suu Kyi