ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Viaggio in Polonia, per capire le posizioni di contrari e favorevoli all'aborto

Di Valérie Gauriat
euronews_icons_loading
Viaggio in Polonia, per capire le posizioni di contrari e favorevoli all'aborto
Diritti d'autore  euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Un furgone resta parcheggiato davanti a uno dei principali ospedali di Varsavia. I gruppi anti-aborto fanno una fortissima pressione su di una delle poche strutture della capitale polacca dove interrompere la gravidanza. Una decisione della Corte costituzionale ha appena inasprito una delle leggi sull'aborto più restrittive in Europa. Finora era consentito solo in caso di stupro o incesto, oppure

in caso di pericolo per la salute o la vita della madre, o di gravi malformazioni del feto o malattia incurabile. Quest'ultimo caso è ora vietato.

Euronews
ImagesEuronews

Così la dottoressa Anna Parzynska: “Le donne che incontro sono quasi sempre donne che volevano restare incinta, che aspettavano una gravidanza. Alcune pazienti però affrontano anomalie tali che il bambino non sarà in grado di sopravvivere senza assistenza dopo il parto.

Abbiamo avuto una paziente qui, a cui era stata rifiutata l'interruzione di gravidanza da due ospedali. Il feto soffriva di agenesia renale. Cioè, i reni non si sviluppano. È impossibile sopravvivere con una tale anomalia. Se costringi una donna a partorire, sapendo che il giorno della nascita può anche essere il giorno della morte, lo considero non etico. "

Euronews
ImagesEuronews

La dottoressa è determinata a continuare ad aiutare le donne che vengono da lei, nonostante il divieto: "Mi occupo spesso di donne che apprendono che il loro bambino non ancora nato ha una malattia incurabile. Che il loro bambino morirà un giorno o due o un anno dopo la nascita, che non avrà alcuna possibilità di vivere una vita normale, che questa vita sarà fatta di sofferenza e ricoveri ospedalieri. Queste madri sono disperate, cominciano a soffrire di gravi disturbi psichiatrici. Compresi i pensieri di suicidio, poiché non riescono a immaginare di guardare il loro bambino che prova dolore. In questa fase, tali pazienti possono essere qualificate per l'interruzione della gravidanza, a causa del pericolo per la loro salute o la loro vita".

Euronews
ImagesEuronews

Siamo andati nella città di Lublino, in Polonia orientale, una delle zone più conservatrici del Paese. L'anno scorso negli ospedali di Lublino sono stati registrati solo 3 aborti legali.

Padre Filip è un sacerdote francescano che vuole offrire alle donne un'alternativa all'interruzione della gravidanza, in caso di anomalia fetale. Il suo ospizio medico si prende cura dei bambini nati con gravi disabilità fisiche e neurologiche. Alcuni sono in contatto con le loro famiglie. Altri sono stati abbandonati alla nascita. L'aspettativa di vita è spesso breve.

Dice il religioso: “A volte le condizioni abitative sono drasticamente pessime. Il bambino ha bisogno di un po 'di conforto, ha bisogno di cure, quindi questo posto dà questa possibilità. A volte la malattia progredisce così rapidamente che il bambino ha bisogno di cure 24 ore su 24, che possono essere fornite solo qui".

Proviamo a obiettare: “Lei capisce quei genitori che decidono di interrompere una gravidanza perché non riescono a far fronte all'idea di avere un figlio gravemente disabile?"

Lui risponde: “Certo che capisco. Questa esperienza provoca un'immensa sensazione di impotenza, una perdita di punti di riferimento e anche un'incapacità a comprendere se stessi. Ed è a questo che serve un ospizio perinatale. Permette a questi genitori di capire dove si trovano. Ma sono loro che prendono la decisione. Grazie al nostro aiuto, hanno una sorta di impulso, si dicono, "possiamo farcela, dato che abbiamo un sostegno", e decidono di correre il rischio del diritto alla vita del loro bambino, piuttosto che rischiare di togliergli la vita, essendo consapevoli di tutte le conseguenze. "

Psicologo e psicoterapeuta, il sacerdote conduce sessioni di supporto per molte coppie, come quelle che ha invitato a confidarsi con noi.

Già genitori di due adolescenti, Katia e Slavek, festeggiano da 5 anni il compleanno del piccolo Samuel, morto 30 minuti dopo la sua nascita. Sono stati informati della probabilità di un tale risultato diverse settimane prima della scadenza del termine legale di 24 settimane, quindi per l'interruzione della gravidanza in caso di malformazione fetale, non c'era dubbio che questi due devoti cattolici prendessero in considerazione un simile scenario.

Euronews
ImagesEuronews

Dice Katarzyna : "L'unica opzione per me, secondo la mia coscienza era scegliere la vita. E penso che in una situazione come questa non si possa evitare la sofferenza. Che si tratti della sofferenza associata al trasporto, al parto o alla crescita di un bambino disabile. Oppure potrebbe essere il dolore di sentirsi in colpa dopo aver abortito un bambino malato. Quando hai chiuso una fase della tua vita, quando il bambino è sepolto, la situazione è reale. Puoi andare alla tomba per visitare il bambino. Confrontarti con le tue emozioni. Essendo una credente, ho fede e spero che mio figlio non sia da qualche parte sottoterra ma in paradiso, in una realtà migliore".

Aggiunge il marito : "Non possiamo riportarlo con noi, è impossibile. D'altronde vogliamo fare di tutto per trovarlo in paradiso come crediamo. E per aiutare gli altri che potrebbero trovarsi in situazioni simili, per aiutarli attraverso la nostra esperienza, in modo che non prendano una decisione che costerà loro troppo dolore".

È stato durante le discussioni con genitori come Katia e Slavek e padre Philip che questa giovane coppia ha trovato le risposte che cercava, dopo aver appreso che il loro bambino non ancora nato soffriva di gravi malattie nella 20a settimana di gravidanza. Il suo cuore ha smesso di battere due mesi prima del tempo.

Continua Agnieska: "Le possibilità che la gravidanza arrivasse a termine, che sarebbe sopravvissuto alla nascita, erano molto scarse, ma questa possibilità doveva essere presa in considerazione. E sapevamo che se avessimo deciso di interrompere la gravidanza, essendo credenti, poiché crediamo in Dio, avremmo dovuto convivere con questo peso".

Il compagno, Arkadiusz, dice: " Abbiamo anche pensato che forse stesse soffrendo. Abbiamo pensato che forse avrebbe sofferto dopo il parto ... Volevamo solo fare la scelta giusta, volevamo fare la cosa giusta ... ma non sapevamo come. È stato solo qui all'ospizio che ho capito cosa volevo veramente. "

Per queste coppie però la decisione se abortire o meno, in caso di malformazione fetale, non dovrebbe in ogni caso essere lasciata alla legge.

Dice Slawomir: "Abbiamo bisogno di una legge, ma non deve imporre restrizioni. Piuttosto, dovrebbe dare alle persone opzioni, dare loro accesso alle informazioni. Su che tipo di sostegno possano avere di fronte a una situazione del genere, su come lo stato possa aiutare le persone a prendere una decisione saggia. Ma non condannarli alla sofferenza, quando non sono pronti per questo".

Padre Filip vuole che incontriamo Agata.

La sua terza figlia, Amelia di 12 anni, ha la sindrome di Edwards. Non può camminare, parlare, mangiare o svilupparsi normalmente. Separata dal marito, Agata ha rinunciato a tutto per prendersi cura della figlia, con l'aiuto della madre, e uno stipendio di circa 450 euro al mese. L'aborto, a suo avviso, dovrebbe essere vietato in ogni circostanza. Ma non è sufficiente vietare.

Dice Agata: “La decisione del governo di vietare l'aborto è una cosa. Ma questa decisione deve essere seguita da un enorme sostegno per le donne che danno alla luce bambini disabili. Queste donne si trovano generalmente da sole, senza il padre. Non hanno soldi, sono sull'orlo della miseria. Non hanno supporto esterno. Non si fa niente. Le donne cadono rapidamente in depressione. Tanto che stanno morendo con il bambino, sono davvero in una profonda depressione. E a volte si arriva anche al suicidio di queste madri".

Da mesi però il paese è mobilitato

Ci sono voluti tre mesi prima che la decisione della Corte costituzionale fosse pubblicata nella Gazzetta ufficiale per entrare in vigore.

Un ritardo attribuito all'ondata di proteste senza precedenti esploso nel Paese.

Per molti polacchi, la restrizione non è soltanto un altro attacco ai diritti delle donne. Ai loro occhi, è anche la testimonianza di una deriva liberticida del potere contro i diritti fondamentali di tutti i cittadini.

Lo scorso novembre, diverse donne hanno organizzato un coming out per dire pubblicamente di aver abortito. Una prima in Polonia.

Natalia è una professoressa universitaria, ma anche un'attivista dell'Abortion Dream Team, che aiuta le donne che vogliono interrompere la gravidanza. L'abbiamo visitata a casa sua.

La polizia non ci va leggera con i manifestanti

Natalie ci mostra il sito web del team Abortion Dream sul computer. La hotline dell'associazione fornisce consulenza e supporto alle donne che desiderano ottenere pillole per l'aborto o recarsi in un paese vicino dove l'aborto è legale. Il suo telefono non ha smesso di squillare dall'annuncio delle nuove restrizioni.

I 1.000 aborti legali registrati ogni anno nel paese colpiscono solo una piccola parte delle donne polacche che desiderano interrompere la gravidanza. Natalia sta conducendo una campagna per la liberalizzazione dell'accesso all'aborto per tutti coloro che sono costretti alla clandestinità dalla legge polacca. Ha avuto un aborto medico 8 anni fa.

Dice Natalia: “La parte più difficile è stata la solitudine. Mi vergognavo anche solo di chiedere aiuto. Pensavo che nessuno mi avrebbe capito, nessuno mi avrebbe sostenuto e nessuno avrebbe voluto vivere con me questo calvario. 0La prima conseguenza della legge attuale è che crea un senso di vergogna. La seconda cosa è la stratificazione della società causata da questa legge. Viviamo in un paese in cui sempre più persone vivono modestamente. Non possono permettersi un aborto in Germania, nei Paesi Bassi o in Inghilterra, perché è molto costoso. Il COVID ha dimostrato quanto sia ingiusta questa legge. Non appena è iniziata la pandemia, abbiamo ricevuto molte chiamate, ad esempio, ci è stato detto: "Due settimane fa, la mia gravidanza era voluta, ma ora è assolutamente impossibile continuare, perché ho perso il lavoro. Non posso permettermi più di avere un altro figlio, perché non potremmo sopravvivere".

Incontriamo uno dei parlamentari che hanno sostenuto l'iniziativa alla Corte costituzionale. È membro della formazione Legge e Giustizia.

Euronews
ImagesEuronews

Bartlomiej Wroblewski (PiS): “Un intero gruppo di deputati ha presentato una petizione alla Corte costituzionale affinché il diritto alla vita fosse sancito nella costituzione polacca. È un diritto universale che deve avere ogni essere umano. Dall'inizio della vita fino alla morte. Quindi le persone malate e le persone disabili hanno lo stesso diritto alla vita di noi persone sane".

Gli chiediamo: "Questa decisione ha portato molte persone in piazza. Non è da tenere in considerazione, per un parlamentare?

Lui ci risponde: "Dobbiamo porci la domanda: è la volontà della maggioranza che deve decidere il nostro diritto alla vita, o il diritto alla vita ci è dato dal semplice fatto che siamo esseri umani? Relativizzare questo concetto, e renderlo dipendente, ad esempio, dall'umore della società, penso che questa non sia la giusta direzione per lo sviluppo della nostra società. Non è giusto che sia la maggioranza, anche se è la maggioranza dei cittadini, che decide chi è umano e chi no".

La nostra Valérie Gauriat dice: "Nonostante la pressione della polizia e le restrizioni dovute al Covid 19, gli attivisti per i diritti umani sono determinati a continuare la loro lotta".

Cosî l'attivista Marta Lempart: "Si tratta di libertà. Si tratta di diritti umani, di diritti fondamentali, dell'indipendenza giudiziaria, della libertà di stampa! Si tratta di libertà. Ed è davvero ironico che questo paese cattolico conservatore abbia scelto il diritto all'aborto come simbolo della lotta per la libertà. Perché è di questo che si tratta. Vogliamo che questo governo se ne vada".

Un governo che i suoi detrattori accusano di colludere con gli ambienti ultra cattolici del Paese. Coperta alcuni mesi fa con etichette di movimenti pro-choice, questa chiesa di Varsavia è guidata da un prete noto per le sue posizioni conservatrici.

A suo avviso, la legge polacca sull'interruzione della gravidanza non è sufficientemente ampia. Oltre ai casi di malformazione fetale, dovrebbe anche vietare gli aborti in caso di stupro, incesto o pericolo per la salute o la vita della madre.

Così padre Roman Trzcinski: “C'è una civiltà della morte che si è diffusa nel mondo, attraverso movimenti atei. Sono contro la vita, è una civiltà della morte. Il vangelo invece è una civiltà della vita e dell'amore. C'è uno scontro tra queste due realtà, possiamo dire una lotta. E il fatto che ci siano state queste manifestazioni, che alcune persone siano state manipolate, inghiottite, giovani, ragazze, è terribile. È una catastrofe. Segnerà la ragazzina che scende in piazza a gridare che vuole abortire, senza limiti. Lei non si rende conto di quello che sta facendo, ma questo rimane nella sua psiche, nella sua coscienza e nella sua anima. Lascia un segno. Questo è quello che penso".

Questi sono commenti inammissibili per chi rivendica il diritto di disporre del proprio corpo.

Abbiamo incontrato una donna. La chiameremo Eva. Qualche anno fa ha abortito in Slovacchia. Parlarne apertamente potrebbe costarlei il lavoro nel settore pubblico. Lo stigma è ancora grande.

Euronews: “Qual è stata la parte più difficile per te? Aborto, o tutto, tutto ciò che lo circonda? "

Eva: “Tutto. Tutto. Ero molto arrabbiata perché tutti erano mi ostili. Nessuno voleva darmi un semplice pezzo di carta dicendo: diamo a questa donna la medicina di cui ha bisogno. Dopo l'aborto mi sentivo ... sana. Calma. Mi sono sentita sollevata".

Euronews: “Nessun senso di colpa per la depressione?".

Eva: "No no! Nessun senso di colpa, nessun rimorso, nessuna depressione. Nessuna della sindrome di cui stanno parlando. L'unica cosa che provavo era un'immensa rabbia. Non avevo fatto niente di male.

Dare alla luce un bambino che nessuno vuole, non è una tragedia? Io la considero una tragedia, proprio nel cuore dell'Europa, nel 21 ° secolo... E questo è solo perché non possiamo utilizzare appieno i nostri diritti qui. Perché i diritti umani qui sono violati. Nel nome di Dio Onnipotente, o della Chiesa cattolica, potente quanto Dio stesso, almeno qui in Polonia. E sì! Sono una cattolico romana, battezzata e cresimata. E sono orgogliosa di me stessa. Perché ho combattuto, per la mia vita com'era allora e com'è oggi. Non posso credere di dover ancora lottare per la mia vita. Devo ancora convincere qualcuno che sono un essere umano prezioso. E che il mio corpo appartiene solo a me e non appartiene al paese. Almeno quando si tratta di diritti riproduttivi".

La sera dell'entrata in vigore del nuovo divieto, i movimenti pro scelta erano in piazza, per contestare la legalità dell'annuncio del tribunale, che il Consiglio d'Europa denuncia come violazione dei diritti umani.

Gli attivisti vogliono perseguire i responsabili nei tribunali polacchi per abuso di potere, così come coloro che fanno rispettare il divieto, davanti alla Corte europea dei diritti dell'uomo.

Journalist • Valérie Gauriat