ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Rigettate le istanze difensive di Navalny

euronews_icons_loading
Rigettate le istanze difensive di Navalny
Diritti d'autore  Alexander Zemlianichenko/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

Il tribunale della regione di Mosca ha respinto la richiesta di annullare l'arresto di 30 giorni imposto a Alexey Navalny. L'oppositore politico fino a pochi giorni fa era in Germania, dove era stato ricoverato a lungo dopo un avvelenamento per il quale c'è il concreto sospetto degli 007 del Cremlino.

Ritorno e arresto

Le ragioni del suo immediato arresto al momento dello sbarco all'aeroporto di Mosca risalirebbero al fatto che Navalny non si è presentato dal giudice di sorveglianza a Mosca come previsto da una controversa sentenza del 2014. La cosa avrebbe implicato la revoca della condizionale concessagli allora. Adesso quindi il rischio sono tre anni e mezzo di reclusione.

Rigettate le istanze della difesa

La difesa di Navalny ha sollevato una serie di incongruenze nell'apparato accusatorio in relazione alle leggi vigenti. Ad esempio, il tribunale di primo grado ha stabilito di "estendere il periodo di detenzione" di Navalny a 30 giorni e il codice di procedura penale prevede solo "la detenzione per non più di 30 giorni". Il procuratore intanto non ha validato l'appello della difesa del detenuto.

Una violazione della legge

"Tutto questo è una grande violazione della legge, una palese violazione della legge. Avete letto il verbale del tribunale? Una cosa ridicola": ha detto Alexei Navalny, che ha partecipato all'incontro tramite collegamento video dal centro di detenzione preventiva Matrosskaya Tishina. Il dissidente ha ammesso che una telecamera era stata preparata per lui a Matrosskaya. Tishina ancor prima che il suo aereo atterrasse all'aeroporto di Sheremetyevo.