L'Europa a scuola in ordine sparso

Images
Images Diritti d'autore Euronews
Di Alberto De Filippis
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I paesi, e a volte le regioni, gestiscono il ritorno in classe in modo autonomo. Un metodo rischioso secondo gli esperti

PUBBLICITÀ

Scuole aperte o chiuse? È il dilemma a cui i paesi europei stanno rispondendo in ordine sparso. Abbiamo analizzato le differenze fra le avarie nazioni e spesso queste sono davvero eclatanti. Fra i paesi che hanno chiuso le scuole ci sono: Regno Unito, Germania, Danimarca, Austria, la Polonia fino al 17 gennaio, o la Grecia dove le scuole potrebbero riaprire l'undici gennaio. In Spagna la decisione è rimandata alle regioni mentre in Italia solo una parte dei corsi si svolge nelle scuole e il resto a distanza.

In ordine sparso

La Francia mantiene le sue scuole aperte come il Belgio, il Lussemburgo, mentre il dibattito lanciato in Svizzera. Abbiamo chiesto a un esperto quali possibilità per limitare i contagi all'interno degli istituti scolastici. Questa l'ipotesi secondo lui: "Non sono per le chiudere le scuole, ma penso che l'ipotesi più sensata sarebbe quella di prolungare le vacanze invernali e ridurre quelle estive. Nei mesi estivi dovremmo già avere una maggiore copertura vaccinale.

Drammatiche decisioni anche in Germania

L'ipotesi forse non piacerà agli studenti, ma quest'anno scolastico è già stato un disastro come lo era stato il 2020. Lo studio a distanza spesso è complicato, senza dimenticare che in Italia vi sono territori dove internet è molto lento. La mancanza di chiarezza e il caos che ne consegue potrebbe costare carissimo ai ragazzi che, va detto, sono i professionisti di domani.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia e Russia riaprono le elementari, in Italia si torna alle superiori in altre quattro regioni

La Francia non riapre, Italia seconda in Ue per numero di vaccinazioni

La "flessibilità sicura" nei vaccini che vorrebbe l'OMS