Tradizionale missione africana di capodanno per il ministro degli Esteri cinese

Caption
Caption Diritti d'autore Caption
Di euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Da trent'anni il capo della diplomazia di Pechino inizia l'anno nuovo con un viaggio nel continente

PUBBLICITÀ

Il ministro degli Esteri cinese, Wang Yi ha iniziato il consueto viaggio di capodanno in Africa. Una tradizione diplomatica iniziata nel 1991 - quando Pechino rivolse la sua attenzione a un continente che fino agli anni Sessanta del secolo scorso era in mano alle potenze coloniali - e che oggi rende visibili i risultati in termini di cooperazione bilaterale e infrastrutture.

Hua Chunying, portavoce del ministero degli Affari Esteri cinese: "Negli ultimi 20 anni, Cina e Africa hanno attuato dieci piani di cooperazione e otto iniziative comuni. Il commercio Cina-Africa è aumentato di 20 volte e gli investimenti diretti della Cina in Africa sono aumentati di 100 volte. Finora la Cina ha aiutato l'Africa a costruire più di 6.000 chilometri di ferrovie e oltre 6.000 chilometri di superstrade, quasi 20 porti e più di 80 impianti energetici. La Cina sta anche lavorando con l'Africa per espandere la cooperazione in nuove forme di business come l'economia digitale, le città intelligenti, l'energia pulita e il 5G".

A giugno dell'anno scorso, il presidente cinese Xi Jinping, nel corso di un vertice telematico coi capi di stato e di governo africani ha annunciato la cancellazione di tutti i debiti a interessi zero che i paesi indebitati avrebbero dovuto restituire entro il 2020, ha promesso di fornire assistenza nella battaglia contro la pandemia da coronavirus, di costruire nuovi ospedali e inviare sul terreno esperti e tecnici sociosanitari.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Uganda alla prova del voto fra timore di brogli e social silenziati

Lo zoo di Madrid restituisce alla Cina una famiglia di cinque panda giganti

Francia, fa discutere il trasferimento di 195 migranti da Mayotte a un castello alle porte di Parigi