ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Bosnia-Erzegovina: nessuno vuole i migranti

euronews_icons_loading
Bosnia-Erzegovina: nessuno vuole i migranti
Diritti d'autore  Kemal Softic/Kemal Softic
Dimensioni di testo Aa Aa

E' stallo per il migliaio di migranti, bloccati in Bosnia-Erzegovina tra le macerie del campo profughi che li ospitava nel nord-ovest del Paese. Sfumata la prospettiva di un trasferimento, riprende per loro il calvario di notti all'addiaccio e incertezze, con temperature molto rigide e viveri che scarseggiano sempre di più. Dopo un attesa di giorni a Bradina, a sud di Sarajevo, ad avere la meglio sul piano di collocarli in una caserma abbandonata è stata la forte opposizione della popolazione locale.

Sarajevo e ritorno. Dopo le notti in bus, rispediti a Lipa

"Polizia e personale dell'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni sono venuti a dirci che saremmo andati in un altro campo a Sarajevo - racconta uno di loro -. Ci hanno fatto quindi salire su una serie di autobus. 55 in ciascuno. Una volta lì però è arrivato il contrordine. Niente più Sarajevo, ci hanno detto. Andrete in un altro campo. E così, nell'attesa, eccoci di nuovo qui a Lipa".

Kemal Softic/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di ritorno nel campo di Lipa, dopo lo sfumato trasferimento a SarajevoKemal Softic/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.

Vuoto di potere: a occuparsi dei migranti sono ora volontari locali e Croce Rossa

Ipotesi allo studio è un trasferimento nel centro d'accoglienza di Bira, sempre nella città di Bihac. A occuparsi di loro, nell'attesa che la situazione si sblocchi, sono volontari di diverse associazioni umanitarie. "Oggi abbiamo preparato 1.000 pasti - racconta Zlatan Kovacevic, volontario S.O.S. Bihac -. Poi faremo un vero e proprio censimento, per capire come organizzarci per i prossimi giorni. Grazie ai volontari che la Croce Rossa ci sta mettendo a disposizione la situazione è al momento sotto controllo. Appena possibile distribuiremo poi vestiti, sacchi a pelo e, se ce lo permettono, anche tende".

Hasan Arnautovic/AP
L'incendio che il 23 dicembre ha devastato il campo di LipaHasan Arnautovic/AP

A devastare il campo di Lipa, il 23 dicembre, un incendio che gli stessi ospiti avrebbero appiccato, per protesta contro la decisione di chiuderlo, annunciata dall'Organizzazione Internazionale delle Migrazioni che lo gestiva, alla luce di condizioni materiali che ha giudicato insufficienti.