ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Pesce più caro, ma di qualità: la strategia dei produttori per sopravvivere alla crisi

euronews_icons_loading
Pesce più caro, ma di qualità: la strategia dei produttori per sopravvivere alla crisi
Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Pesca e acquacoltura europee sono state fra i primi settori colpiti dalla crisi economica dovuta al Covid. Per sopravvivere, alcuni produttori hanno tentato un retargeting, puntando sulla qualità.

Colpite dalla chiusura di ristoranti e dal crollo della domanda, la pesca e l'acquacoltura in Europa sono state tra i primi settori a dover far fronte alla tempesta economica causata dalla pandemia di Covid, innescando l'urgente riallocazione da parte dell'UE delle risorse del Fondo europeo per gli affari marittimi e la pesca (Feamp) per mitigarne l'impatto.

Se le limitate riaperture di ristoranti in tutta Europa hanno contribuito a mantenere a galla i produttori di pesce durante il periodo estivo, alcune aziende di acquacoltura hanno preferito andare sul sicuro e vendere a supermercati di fascia alta e altri punti vendita con prezzi al dettaglio più elevati che riflettono la qualità dei loro prodotti. Secondo i produttori irlandesi di pesce biologico, questo retargeting del mercato ha aiutato i produttori a mantenere in vita le aziende e a sostenerne il fatturato nel pieno della crisi.

John Harrington di Kush Seafarms è sollevato: "La nostra attività è stata fortemente colpita dalla pandemia di Covid lo scorso marzo, perché nelle fasi iniziali tutto si è fermato all'improvviso, non c'era nessun movimento. Ora che siamo entrati in questa nuova fase, va meglio perché non è tutto completamente bloccato: i ristoranti sono aperti in un paese e chiusi in un altro, e la domanda è tornata a crescere".

Richard Donnelly di BIM (Ireland's Seafood Development Agency) spiega in che modo il settore è sopravvissuto: "In Irlanda è stata una vera sfida, perché noi esportiamo i nostri prodotti, e ci rivolgiamo a servizi di ristorazione di fascia alta. Ma per mostrare quanto sia dinamico il settore, siamo riusciti a spostare e cambiare i mercati orientandoci verso la vendita al dettaglio di fascia alta. Abbiamo sicuramente assistito a una riduzione dei volumi in uscita, ma in realtà i prezzi sono rimasti relativamente alti. Siamo rimasti più o meno sullo stesso livello, per tutti i nostri prodotti, fra il 2019e il 2020. Per esempio, il nostro salmone biologico ora vende molto di più al dettaglio, perché i clienti hanno voglia di concedersi un prodotto di qualità, e sono disposti a pagare un prezzo superiore. Quindi siamo riusciti a mantenere quella quota di mercato. Le notre ostriche vengono esportate sui mercati asiatici. Il volume si è ridotto, ma anche qui i consumatori continuano a pagare il prezzo del prodotto di qualità. E abbiamo visto lo stesso per le cozze. È stato difficile. Abbiamo dovuto abbandonare la ristorazione. Ma i consumatori ora vanno dai rivenditori e dicono: pagherò un extra per qualità e produzione sostenibile. E questo ha sicuramente tenuto in piedi il settore, ma non è stato facile".

Del resto, conclude, Harrington, "La gente deve mangiare e noi produciamo cibo, quindi alla fine non ci si ferma mai, giusto?"