ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Cina: firmato accordo commerciale con 14 Paesi, vale il 30% del pil mondiale

euronews_icons_loading
Cina: firmato accordo commerciale con 14 Paesi, vale il 30% del pil mondiale
Diritti d'autore  AP Photo
Dimensioni di testo Aa Aa

L'accordo di libero scambio più grande al mondo per rilanciare le economie colpite dalla pandemia. Lo hanno firmato quindici Paesi dell'Asia-Pacifico, tra cui Cina, Giappone, Corea del Sud, Nuova Zelanda e Australia. Il Regional Comprehensive Economic Partnership (Rcep) vale il 30% del pil mondiale ed è stato sottoscritto al termine di un vertice dei Paesi del Sudest asiaticio.

A benedire l'intesa anche il segretario generale dell'Onu Antonio Guterres. "Il multilateralismo stesso è messo in discussione proprio nel momento in cui è più necessario - ha detto Guterres - conto sulla vostra leadership e sulla vostra determinazione ad agire con urgenza per salvaguardare il nostro mondo comune".

L'accordo, di cui si è cominciato a parlare nel 2012, avrebbe potuto essere ancora più grande se l'India nel 2019 non avesse abbandonato il tavolo delle trattative per il timore di aumentare il suo deficit commerciale con la Cina. L'India potrebbe comunque aderire in un secondo momento.

Per Cina e Giappone, rispettivamente prima e seconda economia asiatica, il Rcep è il primo accordo di libero scambio a metterle in contatto. L'intesa è considerata una significativa pietra miliare per la regione, a maggior ragione in vista della ripresa post pandemia del Covid-19. "La firma del Rcep non è solo un traguardo epocale nella cooperazione nell'Asia orientale, ma è anche una vittoria del multilateralismo e del libero scambio", ha commentato il premier cinese Li Keqiang.

Si sono spinti oltre i media ufficiali di Pechino: il successo del "mega accordo Rcep è una vittoria per il multilateralismo e il libero scambio, con Paesi, compresi gli alleati degli Usa, che hanno assestato un colpo al protezionismo e al bllismo economico perseguito dagli Usa e da altri", ha scritto il tabloid nazionalista Global Times, aggiungendo su Twitter che "il Rcep aiuterà la regione dell'Asia-Pacifico a prendere la leadership globale nella ripresa post Covid-19 e a ridurre l'egemonia Usa nella regione".