ULTIM'ORA
This content is not available in your region

USA 2020: lotta all'ultimo voto (con sicuri strascichi giudiziari)

Access to the comments Commenti
AP Photo
AP Photo   -   Diritti d'autore  Matt Slocum/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
Dimensioni di testo Aa Aa

La sfida è di certo all'ultima scheda elettorale scrutinata ma potrebbe non bastare, perché il candidato repubblicano, nonché Presidente in carica, Donald Trump ha annunciato azioni legali contro le presunte manipolazioni del voto e la mancanza di trasparenza in Michigan, in Pensilvania (dove si devono scrutinare 1 milione e 400 mila schede inviate per posta, prassi tradizionalmente favorevole ai progressisti) e in Nevada.

Biden consolida in ogni caso un vantaggio che non gli consente di dichiararsi ancora il vincitore della sfida elettorale, ma nel suo intervento in Delaware promette di governare per tutti gli americani, qualora il responso sia quello atteso.

Dal suo quartier generale, l'ex vice di Barack Obama dice: "Stiamo facendo campagna elettorale come democratici, ma io governerò come Presidente americano.

Lavorerò tanto per chi non ha votato per me quanto per chi ha votato per me: ora, ogni voto deve essere conteggiato.

Nessuno ci porterà via la nostra democrazia, il popolo non sarà messo a tacere, non sarà vittima di bullismo, non si arrenderà, sono fiducioso che vinceremo".

Carolyn Kaster/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved
AP PhotoCarolyn Kaster/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved

Ma Il segno di quello che sta succedendo negli Stati Uniti nel post voto è tutto nelle dichiarazioni, soprattutto di parte repubblicana, che affollano i social.

Scrive Trump: 2Stanno lavorando sodo per far sparire 500.000 voti in Pennsylvania, Michigan e altrove".

Anche l'avvocato del Presidente, Rudy Giuliani, si affida a twitter e annuncia di essere In viaggio verso Philadelphia con il team legale per fermare lo scippo di di 550.000 preferenze da parte degli hacker dei Democratici.

Muro contro muro

Biden pensa già allo scontro legale e scrive che per assicurarsi che ogni voto venga contato, si sta organizzando il più grande sforzo di protezione elettorale mai realizzato. attraverso una nuova raccolta fondi.

Quello che resta è un'America polarizzata e divisa in due, con i gruppi di pressione che in maniera trasversale hanno sostenuto uno o l'altro candidato

Resta da vedere quali saranno i risultati negli Stati in bilico: dopo la conquista del Wisconsin da parte dei progressisti (che ha tirato una piccola volata a Biden), ci sono altri 36 voti in palio dal Michigan e dalla Pennsilvania, gli Stati che nel 2016 avevano voltato le spalle a Hillary Vlinton premiamdo proprio il Presidente in carica.

Il destino delle elezioni presidenziali è appeso al voto in questi Stati e ai ricorsi che già pendono in Tribunale e davanti alla Corte Suprema degli stati uniti come già annunciato dal Presidente uscente.