ULTIM'ORA
This content is not available in your region

Tirolo: il rito della transumanza è un richiamo turistico

euronews_icons_loading
Transumanza in Tirolo - Austria
Transumanza in Tirolo - Austria   -   Diritti d'autore  Euronews
Dimensioni di testo Aa Aa

Nel dicembre del 2019 la tradizione transnazionale della transumanza è stata inserita nella lista rappresentativa del patrimonio culturale immateriale dell'Unesco. La transumanza è diventata dunque patrimonio dell'umanità.
Nel Tirolo austriaco, il ritorno delle mandrie dall'alpeggio alle fattorie - segno della stagione fredda alle porte - è una festa per tutti, residenti e turisti, affascinati dal corteo di animali ornati di fiori e coccarde.

Sepp Rieser, allevatore tirolese, racconta le emozioni dell'Almabtrieb, ovvero la transumanza del bestiame a fine estate: "Per noi la transumanza è proprio come il Natale - dice - fin dalla mia infanzia ne ho sempre fatto parte".

Il fatto che il bestiame pascoli sui prati alpini durante l'estate non ha a che fare con il folklore: la permanenza sull'alpeggio offre vantaggi per gli animali.
Spiega Rieser: "È molto importante, prima di tutto per le mucche, in termini di benessere animale, longevità e mantenimento della salute. E, naturalmente, per la cura dell'alpeggio e di tutto il paesaggio culturale. Questa è la nostra caratteristica, in Tirolo,: un richiamo anche per il turismo".

Una tradizione, quella della transumanza, diventata anche un presidio naturale del territorio. Gli ambientalisti spiegano, infatti, che il bestiame sui pascoli alpini può persino prevenire i disastri naturali.

Secondo Jasmin Duregger, di Greenpeace Austria, "quando i pascoli alpini si ricoprono di cespugli e alberi, altre piante importanti si perdono, per esempio le erbe rare e anche i fiori. E capita anche che si rivestano dell'erba di setola - spiega Duregger - l'erba di setola è molto scivolosa, il che significa che se c'è neve o acqua sul terreno, può scivolare via molto velocemente, e questo può portare a maggiore rischio di smottamenti o valanghe".

Secondo la Camera dell'Agricoltura del Tirolo, ogni anno circa 186.000 animali pascolano su 2100 alpeggi della provincia. Tra questi, non ci sono solo bovini ma anche cavalli, pecore e capre.

Tuttavia, molti contadini stanno rinunciando al pascolo alpino per motivi economici.